Sanlorenzo 62Steel Cloud 9, contemporary charm

Con una lunghezza fuori tutto di 61,50 metri, un baglio massimo di 11,90 metri, una stazza di 1.300 tonnellate lorde e cinque ponti, il 62Steel Cloud 9 unisce a una linea decisa, elegante e bilanciata, ampi volumi, avanzate tecnologie ed eccellenti capacità di navigazione che permettono di garantire tanto comfort e una grande vivibilità a bordo

by Francesco Michienzi – photo by Guillaume Plisson for Sanlorenzo

LA FILOSOFIA DEL PROGETTO DI CLOUD 9 È LA SINTESI DI MOLTI ANNI DI IDEE e ricerche del cantiere Sanlorenzo sul modo migliore per aumentare il contatto con la natura quando si è a bordo. Il beach club e le aperture laterali sono nati con l’intento di essere a stretto contatto con il mare per andare in ogni luogo del mondo ed essere totalmente immersi nella natura, in totale sicurezza, accompagnati dai propri familiari e amici avendo tutto sotto controllo. Le linee esterne esprimono un grande equilibrio formale e un’eleganza senza eccessi, elementi che conferiscono al 62Steel l’armonia di uno yacht con uno stile contemporaneo che promette di restare attuale anche negli anni a venire.

Sanlorenzo 62Steel,

Il progetto degli esterni è di Sanlorenzo, così come l’architettura navale, mentre gli interni sono stati sviluppati da Francesco Paszkowski e Margherita Casprini. Gli esterni propongono tutti gli stilemi che rendono gli yacht Sanlorenzo riconoscibili a prima vista. Linee composite che si sovrappongono e raccordano tra loro dando un senso di dinamismo, alleggerendo il profilo anche grazie alla presenza di grandi finestrature.

Sanlorenzo 62Steel,
Gli ambienti interni sono caratterizzati da una grande luminosità e da un’atmosfera rilassante a cui fanno da contrappunto le calde e ricche venature dell’ebano, con una finitura lucida, utilizzato per rivestire alcuni elementi d’arredo. In questa immagine, alcuni pezzi di Minotti tra cui il sistema di sedute Alexander, il tavolino Jacob e la poltrona Reeves Large disegnati da Rodolfo Dordoni. Mentre la poltroncina dining Fil Noir è di Christophe Delcourt.

La nave ha una forma coerente nei tratti filanti e dinamici creati da Sanlorenzo che ha lavorato molto per soddisfare le richieste dell’armatore nel layout degli spazi a bordo affinché offrisse massimo comfort, sicurezza e vivibilità anche quando lo yacht naviga a velocità massima. L’esperienza acquisita del proprietario ha portato alla consapevolezza di quali fossero le priorità per la distribuzione degli ambienti, il rapporto tra spazi esterni e interni, lo stile degli arredi e i materiali più adatti. Le varie aree sono collegate fra loro in modo che gli ospiti possano trascorrere gran parte del tempo all’aperto con gli stessi comfort che trovano all’interno dello yacht.

A poppa del main deck lo spazio living esterno confina con una seconda piscina dedicata agli ospiti dal fondo trasparente, progettata con una copertura scorrevole che la trasforma in una estesa area prendisole.

Sia in porto, sia all’ancora in una baia, o in navigazione alla massima velocità, gli ospiti hanno una vasta scelta di spazi perfettamente attrezzati. Il contatto con il mare è tra gli elementi chiave del progetto. Aprendo i due portelloni laterali si crea infatti un’ampia beach club a livello del mare, illuminata dal fondo trasparente della piscina a poppa del main deck, dove l’armatore e gli ospiti possono godere di una spiaggia privata che si estende al coperto per 92 metri quadrati, con aree relax, area bar, area palestra e hammam, cui si aggiungono altri 40 metri quadrati di terrazze abbattibili a poppa e ai due lati offrendo una fruizione del mare “au fil de l’eau” per bagni, tuffi, abbronzature esaltate dallo scintillio dell’acqua. Per liberare completamente lo spazio della beach area, il 62Steel è stato disegnato con due garage con accesso da aperture laterali, a mezza nave, che contengono a dritta il tender principale di 9 metri e a sinistra il tender di servizio e la moto d’acqua.

Il 62Steel Cloud 9 è stato progettato dall’ufficio tecnico e dall’ufficio stile di Sanlorenzo che hanno sviluppato un superyacht dalle linee ribassate e tese, caratterizzato da lunghe vetrate continue a fascia estese in tutti i tre ponti che, allungando percettivamente le linee, regalano al profilo eleganza e slancio.

All’estremità opposta dello scafo, sul ponte principale, c’è un’altra imponente area esterna dominata da una piscina. Gli interni sono stati progettati su indicazione dell’armatore che ha chiesto un’atmosfera accogliente e rilassante. Francesco Paszkowski, Margherita Casprini e il loro team hanno fatto ricorso a tonalità neutre e materiali preziosi ma sobri che donano una grande luminosità agli ambienti e creano un’atmosfera rilassante a cui fanno da contrappunto le calde e ricche venature dell’ebano, con una finitura lucida, utilizzato per rivestire alcuni elementi d’arredo. Materiale principe, insieme al rovere, la pietra di Gerusalemme che riveste pareti, bagni e nicchie, come nelle cabine degli ospiti.

Gli arredi combinano una selezione di prodotti di Minotti con pezzi realizzati su disegno di Paszkowski e Casprini e con elementi realizzati su misura da artigiani locali. «Realizzare il progetto di interni di questo 62 metri è stato un percorso coinvolgente. L’affiatamento con il cantiere, con il quale collaboriamo da tempo, la conoscenza con l’armatore per il quale avevamo già realizzato in passato un 46 metri, ci hanno permesso di muoverci in territori inesplorati per creare interni di spiccata impronta contemporanea, realizzati in collaborazione con Margherita Casprini. Materiali principali come marmo, pietra e rovere sono abbinati a vetro e pelle, arredi di brand made-in-Italy convivono con elementi di arredo custom progettati dal nostro studio. Lavorare con professionisti di alto livello, con un cantiere importante ed un armatore esperto è sempre un’esperienza molto gratificante».

Sanlorenzo 62Steel,

Il salone principale sul main deck condivide i 90 metri quadrati dell’area con la sala da pranzo, che accoglie fino a 16 commensali, quest’ultima separata dalla zona living da una vetrata con un sottile metal mesh che permette di catturare tutta la luce dall’ambiente attiguo mantenendo la privacy. A poppa di questo ponte, lo spazio living esterno confina con una seconda piscina dedicata agli ospiti dal fondo trasparente, progettata con una copertura scorrevole che la trasforma in una estesa area prendisole. I dodici ospiti quando non si crogiolano al sole o si intrattengono nelle aree comuni, possono ritirarsi in sei comode cabine sul main deck, di cui 5 ospiti e una sala massaggi, due con letto king size e tre cabine doppie con letti singoli. Mentre l’armatore dispone di una vastissima area privata a prua del ponte principale.

Sanlorenzo 62Steel,
Sanlorenzo 62Steel,
L’armatore dispone di un intero ponte ad uso esclusivo, raggiungibile con un ascensore, che comprende oltre alla suite con due bagni e walk-in dressing room, anche uno studio, un ambiente living e, a poppa, la sky lounge di 67 mq, uno spazio riservato all’intrattenimento e al gioco completato all’esterno da una sala da pranzo all’aperto che assicura una vista panoramica mentre si pranza.

La suite armatoriale, di ben 215 mq, nella zona upper deck, che oltre a godere di una impareggiabile vista panoramica a 180°, è connessa in maniera funzionale all’area esterna di prua di oltre 140 metri quadrati, dotata di ampie aree prendisole e relax e piscina. L’intero ponte, ad uso esclusivo dell’armatore, raggiungibile con un ascensore, comprende, oltre alla suite con due bagni e walk-in dressing room, anche uno studio, un ambiente living e, a poppa, la sky lounge di 67 metri quadrati, uno spazio riservato all’intrattenimento e al gioco completato all’esterno da una sala da pranzo all’aperto che assicura una vista panoramica mentre si pranza al fresco.

Sanlorenzo 62Steel
La beach club a livello del mare è illuminata dal fondo trasparente della piscina a poppa del main deck, in cui l’armatore e gli ospiti possono godere di una vasta area, e si estende al coperto per 92 m2, con aree relax, area bar, area palestra e hammam, cui si aggiungono altri 40 m2 di terrazze abbattibili a poppa e ai due lati che offrono agli ospiti una fruizione del mare “au fil de l’eau”.
Il lower deck del 62Steel accoglie a prua in 155 metri quadrati l’alloggio per i dodici membri d’equipaggio, escluso il comandante che ha una sua cabina alle spalle della plancia, che dispongono di una crew mess per il pranzo e per il relax e la cucina di 26 metri quadrati.
La plancia
La plancia I-Bridge di Team Italia consente che le informazioni per la navigazione siano riportate dagli strumenti al display trasparente, rendendo così più facile per il comandante consultare i dati necessari senza spostare la sua attenzione dalla conduzione dello yacht. L’head-up permette infatti di sovrapporre alla scena reale di navigazione le informazioni principali come rotta, waypoint, bersagli AIS e ARPA, oltre a visualizzare gli altri dati utili. Il sistema I-Bridge include due alette, anch’esse integrate, in grado di fornire tutte le informazioni utili durante le operazioni di manovra e soprattutto durante le fasi di ormeggio ed inoltre un sistema di Remote Diagnostic per tutte le operazioni di troubleshooting support.
La nave è dotata di un impianto di cottura Zanussi Professional composto dalla linea di cottura modulare EVO700, induzione, griglia e friggitrice, e dalla colonna cook&chill, la cui tecnologia e innovazione è tutta concentrata in un solo metro quadrato, con forno Magistar con 6 teglie GN 1/1 su abbattitore rapido da 30 kg.
Sanlorenzo 62Steel,

L’ufficio di Interior Design di Sanlorenzo segue l’intero iter di costruzione di ogni yacht, dalla nascita alla consegna.

La geometria della carena consente a questo yacht dislocante, con scafo costruito in acciaio e sovrastruttura in lega speciale di alluminio, lunghe navigazioni. I due motori Cat 3512 C lo spingono ad una velocità di punta di circa 16,5 nodi con una velocità di crociera che si attesta attorno ai 12,5. Per le traversate o le navigazioni più lunghe, un’andatura di poco superiore ai 10 nodi assicura un’autonomia transatlantica di oltre 5.000 miglia nautiche.

SANLORENZO SPA
Viale San Bartolomeo, 362
I-19126 La Spezia
T. +39 0187545700
[email protected]
[email protected]

PROGETTO: Sanlorenzo (architettura navale e ingegnerizzazione) • Francesco Paszkowski Design e Margherita Casprini (design interni)

SCAFO: Lunghezza fuori tutto 61,50m • Lunghezza al galleggiamento 60m • Larghezza 11,90m • Immersione a pieno carico 3,20m • Materiale di costruzione acciaio (scafo) e alluminio (sovrastruttura) • Stazza internazionale 1.300 GT  • Cabine ospiti 6 • Ponte privato armatore 215 m2 • Posti letto ospiti 12 • Posti letto equipaggio 14 • Riserva combustibile 130.000 l • Riserva acqua 63.000 l • Velocità massima 16,5 nodi • Velocità di crociera 12,5 nodi • Velocità economica 11 nodi • Autonomia massima alla velocità economica circa 5.000 miglia nautiche

MOTORI: 2 Cat 3512 C 1.765 kW

GENERATORI: 2 x 200 kW, 1x 150 kW Cummins

CLASSIFICAZIONE: ABS

(Sanlorenzo 62Steel Cloud 9, contemporary charm – Barchemagazine.com – Luglio 2021)