MCP Yachts Queen Tati, un sogno realizzato

Queen Tati, progettata da Vripack che ha curato il design degli esterni, degli interni, l’ingegnerizzazione e l’architettura navale, è lunga 37,4 metri fuori tutto. Grazie a due Cat C32 di 1.417 kW ciascuno, naviga a oltre 20 nodi di velocità massima

by Francesco Michienzi

Una nave da diporto per la famiglia è il risultato di una ricerca fatta con attenzione ed equilibrio tra bellezza e praticità. Questo superyacht brasiliano è una perfetta combinazione tra dimensioni, impatto visivo e armonia geometrica. L’armatore, già proprietario di uno yacht di 23 metri, era pronto a costruire qualcosa di più grande. “Ho incaricato Vripack di progettare uno yacht di 40 metri, ma quando è stato pronto ho pensato che fosse troppo grande. Quindi siamo partiti da zero, sviluppando un 34 metri che alla fine è diventato 36 metri. Ho deciso di costruire presso MCP poiché è a solo mezz’ora di distanza in elicottero, il che significava che avrei potuto godermi visite bisettimanali nel fine settimana. Essendo un imprenditore brasiliano e già proprietario di un MCP, mi sono sentito impegnato non solo a costruire di nuovo con loro, ma a realizzare uno yacht capace di eguagliare gli standard internazionali più elevati”. Il desiderio era quello di avere una barca che potesse ospitare comodamente molte persone, non solo in cabina, ma anche durante il giorno e la sera. “Siamo persone di famiglia, ci piace mangiare e bere ma preferibilmente non sempre nello stesso posto. Le nostre colazioni si estendono su un lungo periodo, quindi avevamo bisogno di un luogo dedicato per la colazione all’aperto”.

Il solarium dispone di una piscina Jacuzzi di 2,2 metri per 2,2, zona prendisole su entrambi i lati, sala da pranzo per 12 persone e un ampio bar con barbecue. Il ponte principale di poppa ha spazio per un tavolo per i pasti all’aperto e un divano per rilassarsi. Le finiture includono molti rivestimenti in legno per creare una calda atmosfera all’esterno che si collega con l’interno, a cui si aggiunge un’illuminazione con lampade a parete. Gli interni sono disegnati per offrire ambienti rilassanti ed equilibrati. Il rovere grigio sui mobili, quello verniciato sui pavimenti, quello naturale sulle pareti e il teak sui soffitti rendono l’ambiente naturale, come si vede nel salone del ponte superiore.

La lista dei desideri è stata particolarmente lunga: comprendeva quattro cabine, due con letti pullman, ampi spazi giorno, una grande suite armatoriale, area fitness, beach club, una control room in sala macchine. Avere un tender di 7 metri che consentisse di raggiungere la riva anche in condizioni meteorologiche avverse. Due moto d’acqua e una piscina/Jacuzzi. Il co-direttore creativo di Vripack, Bart Bouwhuis, ha dichiarato: “Il brief era quello di progettare uno yacht facile da usare e di facile manutenzione con uno stile interno confortevole e pieno di luce, credo che ce l’abbiamo fatta”. Anche gli aspetti tecnici legati alla navigazione hanno rivestito un ruolo fondamentale nella progettazione. 

La nave è stata costruita per navigare in tutto il mondo, anche con mari agitati, e che consentisse velocità per sfuggire alle intemperie. A bordo tutto è sovradimensionato in termini di sicurezza e manutenzione, compresa l’elica di prua e il verricello dell’ancora. L’armatore ha una lunga esperienza: “Mi piace timonare la barca da solo con la mia famiglia accanto, da qui la disposizione dei posti a sedere in avanti sul flybridge e sulla timoneria. Ci piace anche passare il tempo con l’equipaggio. Il mio capitano è con me da 20 anni. L’area in cui trascorriamo la maggior parte del nostro tempo è quella delle 300 isole del Brasile. Ancoriamo in piccoli posti e ci godiamo l’avventura del viaggio. La prima volta che sono salito a bordo ho chiesto di essere solo io e mia moglie. È stato un momento molto emozionante. Il viaggio inaugurale è stato fantastico; il primo giorno avevamo onde alte 2-3 metri e oltre 30 nodi di vento. Tutta la nostra famiglia era a bordo e ci siamo divertiti moltissimo durante quella traversata. Avevo realizzato il mio sogno”.

Ci sono sette cabine, inclusa quella armatoriale a prua che è stata dotata di terrazza privata, posti a sedere a dritta di fronte a grandi finestre, armadi dedicati e bagno privato. 

Lo yacht è stato progettato per avere molte aree differenti tra loro, angoli accoglienti e aree salotto dove poter stare insieme, ma allo stesso tempo muoversi per cambiare scenario. Una miscela di finiture morbide e ceramiche, vernici, carte da parati e grandi finestre sottolineano la connessione tra interno ed esterno. I mobili sono stati selezionati tra i marchi di eccellenza del Made in Italy, sono ben rifiniti con dettagli curati. La sistemazione è suddivisa in sette cabine, inclusa la cabina armatoriale a prua che è stata dotata di terrazza privata, posti a sedere a dritta di fronte a grandi finestre, armadi dedicati e bagno privato. Il ponte superiore è stato dedicato alla famiglia dell’armatore, con una sala di osservazione rivolta a prua che comprende un balcone asimmetrico per i momenti privati. La lunga sala da pranzo nel salone principale consente di pranzare godendo di splendide viste sull’esterno.

LA NAVE È LUNGA 36 METRI E HA UNA STAZZA INTERNAZIONALE DI 316 GROSS TONNAGE. IL PONTE PIÙ ALTO CONSENTE UNA VISTA A 360°.

L’attenzione all’illuminazione, progettata da Vripack, garantisce che l’ambiente interno ed esterno funzionino in armonia, passando senza soluzione di continuità dal giorno alla notte. La grande timoneria comprende posti a sedere per consentire agli ospiti di godersi la navigazione. A poppa c’è un beach club con piattaforma da bagno, palestra e dayhead. Tutte le aree sono accessibili e servite dall’equipaggio tramite scale indipendenti dalla scala degli ospiti. La cucina, completamente attrezzata con un’ampia dispensa di servizio, è dotata di un frigorifero industriale che può essere utilizzato come tale o come congelatore. La verniciatura di Queen Tati è stata molto elaborata, sono stati utilizzati cinque colori diversi che vanno dal grigio squalo per lo scafo, al nero e al bianco per creare un aspetto esterno equilibrato e molto interessante da tutti gli angoli visivi.

L’ARMATORE HA SCELTO DI NON AVERE NELLO SCAFO OBLÒ APRIBILI PER RAGIONI DI SICUREZZA E HA RICHIESTO UN SISTEMA HVAC CHE RINNOVA L’ARIA NOVE VOLTE ALL’ORA.

Engine room
In sala macchine, oltre ai 2 generatori di 80 kW ciascuno, ci sono due motori turbo diesel Cat C32 di 1.417 kW ciascuno a 2300 giri al minuto che consentono una velocità massima di 20.1 nodi. L’autonomia a questa velocità è di 763 miglia nautiche. All’andatura di crociera economica di 12 nodi, l’autonomia è di circa 2.500 miglia nautiche.

MCP YACHTS
São Paulo, Brazil
www.mcpyachts.com.br

PROGETTO
Vripack (design esterno e interno e architettura navale)

SCAFO
Lunghezza f.t. 37.41m • Lunghezza scafo 33.86m • Baglio massimo 8.13m • Immersione 2.24m • Dislocamento a pieno carico 196 t • Dislocamento a mezzo carico 141 t • Gross tonnage 316 GT • Materiale di costruzione scafo e sovrastruttura Marine Grade 5083 Aluminum • 14 ospiti • 1 owner suite • 8 membri di equipaggio – Riserva gasolio 36.896 l • Riserva acqua 12.140 l • Bow/Stern Thrusters Naiad • Stabilizzatori Naiad (At Anchor)

MOTORI
2 x Caterpillar C32 1.900 cv/1417 kW @ 2.300 RPM

CERTIFICAZIONE
Classificazione Lloyd’s Register o RINA pleasure yachts unrestricted navigation

(MCP Yachts Queen Tati, un sogno realizzato – Barchemagazine.com – Febbraio 2024)