JL Audio, think global, but act local

Silvio Pupino, Vice President-International sales di JL Audio e Giacomo Degl’Innocenti, founder e Ceo di Gammalta Group, distributore esclusivo, hanno illustrato le prospettive dell’azienda americana

by Barbara Borgonovo – photo by Andrea Muscatello

I suoni e la musica sono un nutrimento acustico di straordinaria importanza per lo sviluppo delle nostre funzioni vitali, in qualunque luogo ci si trovi, anche in barca. La capacità di riprodurre il suono ai massimi livelli è una prerogativa riservata solo ad aziende con una lunga storia alle spalle, fatta di ricerca, sperimentazione e tanta passione. JL Audio è stata fondata negli anni ’70 da due compagni di scuola, Jim e Lucio, che negli anni ’80 si espanse diventando rivenditore per una vasta gamma di servizi, tra cui l’installazione di sistemi audio professionali per auto. Il punto di svolta si è avuto quando Lucio decise di costruire i propri driver a bassa frequenza. In quel periodo JL si fece conoscere per la qualità dei prodotti e, negli anni ’90, iniziò a lavorare a livello nazionale.

JL Audio è entrata nel mercato dell’home audio nel 2003 quando Carl Kennedy, un progettista di sistemi di altoparlanti di grande esperienza e ingegnere di studio, è entrato a far parte dell’azienda. L’anno successivo, lanciarono sul mercato una linea di prodotti audio marini. La mission aziendale è stata quella di vendere l’audio migliore e per ottenere questo risultato JL Audio ha fatto importanti investimenti trasformandosi da azienda internazionale a multinazionale.

La storia di JL Audio è iniziata quando i compagni di scuola Jim e Lucio hanno costruito altoparlanti che resistessero sotto il sole e alle condizioni meteomarine di una spiaggia durante le vacanze estive.

Silvio Pupino, Vice President-International Sales, ci aiuta a capire questo passaggio: «La differenza è fondamentale, la compagnia internazionale fa un prodotto per un suo mercato e vende anche pezzi all’estero, la compagnia multinazionale fa investimenti all’estero che gli permettono di vendere in tutto il mondo senza problemi». Nel 2020 ha aperto una warehouse a Shenzhen ed una a Rotterdam per rifornire i propri distributori in tempi molto più rapidi senza aspettare le spedizioni dagli Stati Uniti.

A questo proposito interviene Giacomo Degl’Innocenti, Ceo di Gammalta Group, dealer italiano di JL Audio. «Questo ci ha permesso soprattutto di accorciare la catena dell’approvvigionamento e di essere molto più performanti nel fornire i cantieri. Infatti, una cosa è servire il singolo installatore al dettaglio, un’altra è fare un accordo quadro strategico dove il cantiere navale ti sceglie per le qualità costruttive e per le performance che il nostro prodotto offre. Questa nuova organizzazione dell’azienda ci mette in condizione di fornire i clienti nei tempi prestabiliti, perché, soprattutto in un periodo di scarsità di reperimento delle materie prime, non puoi permetterti di dire al cantiere, che ha investito in tutte le linee di prodotto e ha fatto i fori della vetroresina con le tue dimensioni e le tue profondità, che non puoi fornirgli il prodotto».

GAMMALTA
Gammalta Group si sta specializzando sempre di più come distributore audio video per il mercato marino.
Ha inaugurato una nuova sede di oltre 1.000 metri quadrati a Pisa. Ha fatto un accordo commerciale con Samsung.
Hanno meccanismi specificatamente progettati per il mercato marino e sistemi di controllo internazionali quindi stanno preparando tutto un pacchetto da poter offrire ai cantieri, ma soprattutto agli installatori che operano nel settore marino con il miglior portfolio possibile, che si traduce in prodotti ad altissima performance, super affidabili e coperti da un’assistenza a livello globale. Si può così evitare che un cantiere debba andare a fare un service su un 50 metri alle Bahamas supportando costi altissimi. Terzo elemento una visibilità internazionale. Il nostro obiettivo è quello di essere il primo distributore di prodotti audio video per il mercato marino italiano e lo stiamo perseguendo con dei fortissimi investimenti e con JL Audio che è il nostro brand core business con il quale stiamo crescendo parallelamente.

Il vantaggio della geolocalizzazione dei magazzini è fondamentale per i dealer per sviluppare al meglio il loro lavoro e diffondere sempre più il brand. Ed è proprio di questo che Silvio Pupino si è occupato negli ultimi due anni. Ma il dealer non è mai solo. «Noi dobbiamo dare ai nostri distributori il supporto adeguato per andare sul mercato e spingere il brand». Ogni mercato è differente, non esiste un unico prodotto che possa soddisfare appieno le varie richieste. A questo proposito i dealer si fanno tramite delle richieste che portano in azienda, sviluppando spesso nuove soluzioni. Ci spiega meglio Pupino: «Noi in JL agiamo a livello mondiale, ma la situazione ibrida è dettata proprio dal fatto che ogni mercato è diverso». Ed è proprio sugli optional e anche sulla loro estetica, oltre al modo di vivere la barca, che le cose cambiano. 

JL Audio ha aperto il primo negozio al dettaglio chiamato “Speaker Warehouse” negli anni ‘70, vendendo altoparlanti per la casa, kit di altoparlanti fai-da-te e sistemi di altoparlanti per DJ.

Un esempio è dato dagli speaker che hanno un’estetica bellissima, sono coloratissimi, hanno una qualità incredibile, ma sono fatti per soddisfare il mercato americano con un certo tipo di barche di vetroresina, molto piccole, per usi sportivi, molto dinamiche, dove un look aggressivo e sportivo è perfetto. Ma quando trattano con i cantieri italiani che producono barche custom di 25 metri e oltre, dove l’estetica e l’estrema pulizia sono un must, bisogna adattare il prodotto. Ricorda Giacomo Degl’Innocenti: «Sotto questo aspetto sono stati incredibili. Hanno concretizzato le mie richieste e da una base identica, senza perdere performance e qualità hanno realizzato un prodotto studiato nei minimi particolari ed è così che è nata la serie Lux».

LA MISSIONE DELL’AZIENDA È DI “VENDERE SISTEMI AUDIO DI GRANDE QUALITÀ”. IL SUCCESSO IMPRENDITORIALE È STATO RESO POSSIBILE GRAZIE A PERSONE DI TALENTO E APPASSIONATE.

JL Audio ha oltre seicento dipendenti e la maggior parte sono ingegneri. Per mettere sul mercato nuovi prodotti ci vogliono anche cinque o sei anni di sviluppo, perché tutte le forme a bordo di una barca sono differenti e richiedono uno studio specifico sulla dissipazione acustica. Anche solo per creare una griglia, con la giusta inclinazione, possono servire due anni di lavoro. Il segreto del successo di JL Audio è nella continua ricerca della qualità perfetta del suono, anche nelle difficili condizioni nelle quali si trova il pozzetto di una barca, all’aperto, in movimento e con condizioni atmosferiche che possono essere le più difficili e le più corrosive. La capacità di adattarsi alle richieste ha spinto Silvio Pupino a coniare il motto: “Think Global, but Act local”. Pensa a livello globale, ma agisci sul territorio. Dai al distributore la possibilità di sviluppare un’idea, un prodotto, oppure di promuovere anche una campagna di marketing adatta ai propri clienti.

Per soddisfare le richieste di tutte le fasce di mercato JL Audio ha acquisito la licenza del marchio Clarion, brand giapponese, per lo sviluppo, produzione e di vendita in tutto il mondo. JL Audio ha preso il prodotto Clarion, l’ha ottimizzato, migliorato e messo in commercio per le imbarcazioni più piccole. 

Cercare di migliorare il suono è una cosa difficilissima, soprattutto in un pozzetto di una barca.

La mission dell’azienda è quella di migliorare il suono. Ma come si fa? Migliorando gli apparecchi, la cultura e spiegando che un sistema montato e calibrato in un certo modo e progettato da uno specialista può funzionare ancora meglio. Bisogna far percepire all’armatore la bellezza del suono, dell’audio a bordo, farlo immergere nella musica che suscita emozioni, anche grazie ad un amplificatore che pilota i diffusori a un sub woofer che lavora ininterrottamente nei bassi per fare uscire al meglio i suoni alti. E magari riesce a fare tutti i tagli di frequenza in modo che non ci siano ritardi nel suono quando ci si muove da una parte all’altra dell’imbarcazione. JL Audio ha tecnici altamente specializzati in grado di intervenire in qualsiasi situazione. In questo caso i distributori sono docenti di logistica che in gergo chiamano box mover.

(JL Audio, think global, but act local – Barchemagazine.com – Febbraio 2022)