Il weekender extra compatto si chiama Azimut Verve 42

L’ultima novità di Azimut è il Verve 42. Confermato il team di progettazione del 47: Michael Peters per la carena, Francesco Struglia per interni ed esterni

A portare Azimut a cimentarsi con i fuoribordo è la percezione che nel mercato statunitense manchi un modello di nicchia, veloce e cabinato, capace di unire la funzionalità e lo sprint dei center consolle da pesca con il gusto per il glamour, il comfort, l’estetica degli yacht all’italiana. Con il Verve 42 Azimut intende raggiungere una sintesi ancora più incisiva, concentrando su un modello più compatto le caratteristiche che hanno reso un best seller il Verve 47. Il nuovo Verve 42, weekender da 13 metri, vanta in uno spazio più ristretto le caratteristiche di abitabilità del suo predecessore e amplia la base dei potenziali clienti. Inserendosi in un contesto più accessibile, questo outboard va a solleticare la voglia di mare, sempre più sofisticata ma flessibile, di un target più giovane, che ne premia il debutto: sono infatti già 33 gli esemplari di Verve 42 prenotati.

Azimut Verve 42

Azimut Verve 47 è l’antesignano del segmento dei weekender, che per la prima volta fonde le caratteristiche di due imbarcazioni per definizione agli antipodi: i performanti fuoribordo americani e i cabinati italiani. Una sintesi che vede il coinvolgimento progettuale di due grandi nomi: il master delle carene Michael Peters e il designer Francesco Struglia, che del Verve concepisce esterni e interni. Presentato alla fiera di Miami a novembre 2020 riscuote subito un ottimo successo. Dopo due anni, gli esemplari venduti sono 66.

Proprio come nel Verve 47, la carena Stepped ‘V’ Ventilated Tunnel (SVVT) concepita da Peters riduce la resistenza all’acqua, garantendo un ingresso sull’onda morbido e deciso senza rinunciare a ottime performance. Interni ed esterni, disegnati da Francesco Struglia, rivelano un approccio al design che esalta la funzione attraverso l’emozione. Fuori, linee distintive con vetrature che dalla murata risalgono fino alla falchetta e che garantiscono alla postazione di guida apertura e una sensazione di profonda vicinanza all’acqua. Attraverso un sistema di sorprendenti trasparenze – novità in campo nautico che Azimut introduce ispirandosi alle auto sportive italiane anni Settanta – chi è al volante vive il momento stesso in cui la prua fende la superficie del mare.

Azimut Verve 42

L’attitudine sportiva dell’imbarcazione è bilanciata da un’anima accogliente e conviviale.

Azimut Verve 42

Il layout degli spazi contenuto è pensato per offrire a bordo un’esperienza rilassata e piacevole, da condividere con amici e familiari. Il mezzo può infatti accogliere di giorno fino a 12 ospiti. L’area esterna assume i toni di una zona living multiuso con tv, mini-cucina e tavolo a scomparsa, area lounging con cuscinerie e apertura laterale a poppa, che in pochi secondi diventa piattaforma sul mare. Sottocoperta, l’area dining trasformabile in letto matrimoniale e la cabina doppia con bagno permettono a 4 ospiti, anche all’ultimo, di decidere di trascorrere una o più notti a bordo.

Con la tripla motorizzazione fuoribordo Mercury, a scelta fra 400 o 450 cv, Verve 42 raggiunge una velocità massima di 45 nodi, mentre la velocità di crociera è di 33 nodi. Rispetto al predecessore, il modello presenta una motorizzazione più compatta ma l’autonomia della barca consente al mezzo di effettuare a velocità di crociera 200 miglia nautiche, una distanza che permette grande libertà di movimento.

Azimut Verve 42 – I principali dati tecnici

Lunghezza f.t.12,9m
Larghezza max3,94m
Disloc. a pieno carico14 t
Motorizzazione3 x 450 cv Mercury Racing
Velocità massima fino a 45 nodi
Velocità crocierafino a 33 nodi
Serbatoi carburante1.750 l
Serbatoi acqua dolce250 l
Cabine1
Letti2+2
Materiale di costruzioneCarbon fiber + GRP
CostruttoreAzimut Yachts
Design esterni Francesco Struglia
Design interniFrancesco Struglia
Design carenaMichael Peters

(Il weekender extra compatto si chiama Azimut Verve 42 – Barchemagazine.com – Maggio 2022)