Il Codice è cambiato

Vediamo quali sono le recenti modifiche al Codice italiano della Nautica da Diporto

by Federico Santini*

IL 22 DICEMBRE 2020 SONO ENTRATE IN VIGORE SIGNIFICATIVE MODIFICHE AL CODICE DELLA NAUTICA da diporto introdotte con il Decreto Legislativo del 12 novembre 2020 n. 160, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 304 del 7 dicembre 2020. Si tratta di un importante provvedimento legislativo, fortemente voluto da Confindustria Nautica e dalle associazioni di categoria, mirato essenzialmente alla semplificazione amministrativa della materia con l’obiettivo di rilanciare un settore strategico per il nostro paese e la competitività della bandiera italiana. Le novità introdotte dal decreto correttivo sono numerose e riguardano diversi argomenti.

Avvocato Marzo 2021

Introdotta la nozione di “Nautica sociale”, intendendosi per tale la navigazione da diporto effettuata in acque marittime o interne per fini esclusivamente sportivi o ricreativi e senza scopo di lucro mediante natanti da diporto con qualsiasi propulsione e con scafo di lunghezza fino a sei metri.

Esaminiamo brevemente le principali novità seguendo l’ordine degli articoli del codice della nautica da diporto:

– All’Articolo 2 del Codice tra i possibili utilizzi commerciali delle unità da diporto viene introdotto l’utilizzo, nel rispetto della normativa europea e nazionale di settore, per l’esercizio di “attività in forma itinerante di somministrazione di cibo e di bevande e di commercio al dettaglio”.
– Viene aggiunto un nuovo articolo al Codice della nautica da diporto (Articolo 2-bis) che introduce la nozione di “Nautica sociale”, intendendosi per tale la navigazione da diporto effettuata in acque marittime o interne per fini esclusivamente sportivi o ricreativi e senza scopo di lucro mediante natanti da diporto con qualsiasi propulsione e con scafo di lunghezza fino a sei metri, nonché il complesso delle attività finalizzate a diffondere la conoscenza e la pratica della nautica da diporto a favore degli studenti degli istituti scolastici di ogni ordine e grado di età non inferiore a nove anni, oppure, anche a scopo di ausilio terapeutico, a favore delle persone con disabilità o con disturbi psicologici, dell’apprendimento o della personalità. La disciplina di tale settore e degli eventuali benefici ad essa destinati sarà contenuta nel regolamento di attuazione del codice di prossima emanazione.
Avvocato Marzo 2021

Introdotta la licenza per navi destinate esclusivamente al noleggio per finalità turistiche.

– All’Articolo 3, nell’elenco delle costruzioni destinate alla navigazione da diporto, viene aggiunta (lettera h-bis) la “unità da diporto a controllo remoto: unità da diporto priva a bordo di personale adibito al comando”. Ai cd. droni è poi dedicata una specifica norma del decreto correttivo che introduce un nuovo articolo al Codice della nautica da diporto (l’Articolo 27-bis) che detta alcune regole specifiche di utilizzo degli stessi a garanzia della sicurezza della navigazione, della salvaguardia della vita umana e di salvataggio marittimo.
– All’Articolo 15-ter, viene introdotta per le unità iscritte nel Registro Internazionale la previsione della “licenza per navi destinate esclusivamente al noleggio per finalità turistiche”, ossia una licenza di navigazione specifica semplificata redatta su modello conforme al modello approvato con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;
– All’Articolo 19, viene introdotta la possibilità per i cantieri navali di ottenere l’iscrizione nell’Archivio telematico centrale delle unità da diporto (ATCN) di unità da diporto di propria costruzione, mediante presentazione di una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà nella quale autocertifica la costruzione in proprio dell’unità, fornendone nome, caratteristiche tecniche e codice identificativo dello scafo, e dichiarando che la stessa è di sua esclusiva proprietà.

Consentita la possibilità di noleggiare una o più cabine a diversi noleggiatori anziché l’intera imbarcazione ad un unico noleggiatore.

– Agli Articoli 39 e 39-bis, vengono apportate una serie di modifiche alla disciplina delle patenti nautiche volte in particolare a semplificare il funzionamento dell’anagrafe nazionale delle patenti nautiche istituita presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, a garantire l’aggiornamento continuo di tale elenco.
– All’Articolo 47 viene introdotto il cd. “noleggio a cabina”, ossia la possibilità di noleggiare una o più cabine a diversi noleggiatori anziché l’intera unità ad un unico noleggiatore. È previsto che i contratti di noleggio siano stipulati in forma scritta a pena di nullità e che siano stipulati tanti contratti per quanti sono i noleggiatori di ogni cabina o gruppo di cabine, con ripartizione dei costi operativi pro-quota tra i vari noleggiatori.
Avvocato Marzo 2021

È istituito l’elenco nazionale degli istruttori professionali di vela.

– All’Articolo 49-bis che disciplina il cd. noleggio occasionale è introdotta la previsione che il conduttore dell’unità sia in possesso della patente nautica da almeno tre anni.
– Agli Articoli 49-quinquies e 49-sexies, sono aggiunte una serie di importanti previsioni che riguardano la figura dell’“Istruttore professionale di vela”, definito come colui che insegna a scopo di lucro, anche in modo non esclusivo e non continuativo, le tecniche della navigazione a vela nelle sue diverse specializzazioni e istruisce nella loro pratica, anche ai fini della preparazione dei candidati agli esami per il conseguimento delle patenti nautiche ovvero come libero professionista. È istituito l’elenco nazionale degli istruttori professionali di vela, l’iscrizione nel quale costituisce condizione per l’esercizio dell’attività, e sono dettati i requisiti richiesti per l’iscrizione in detto elenco. È prevista poi la futura emanazione da parte del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti di un regolamento che dovrà disciplinare in dettaglio una serie di materie legate a questa categoria, tra cui l’individuazione dei brevetti e delle qualifiche professionali necessarie per l’accesso alla professione e le modalità di rilascio, la disciplina dell’elenco nazionale degli istruttori professionali, le coperture assicurative di cui l’istruttore professionale deve essere in possesso, il procedimento disciplinare per la irrogazione delle sanzioni applicabili in caso di violazione degli obblighi.
– All’Articolo 49-septies (Scuole Nautiche) sono apportate una serie di modifiche ed integrazioni volte a regolamentare in maniera dettagliata la struttura ed il funzionamento delle scuole nautiche, prevedendo innanzitutto che l’attività di scuola nautica deve essere esercitata nella forma dell’impresa o del consorzio di imprese. Sono introdotte forme di controllo sull’esercizio di tale attività e sulla permanenza dei requisiti necessari; è disciplinata la procedura per la presentazione della richiesta di autorizzazione all’esercizio dell’attività ed i requisiti di coloro che possono presentare la richiesta. È introdotta la figura del responsabile didattico della scuola nautica e sono indicati i relativi requisiti, e sono individuati altresì i requisiti di cui devono essere in possesso coloro che all’interno della scuola svolgono attività di istruzione teorica e pratica. Sono infine previste le sanzioni per il caso di violazione delle relative norme. In funzione di semplificazione, è introdotta la possibilità di tenere gli esami per il conseguimento delle patenti nautiche presso la sede della scuola purché il numero di candidati non sia inferiore a dieci ed è introdotta la possibilità di effettuare la visita medica per il conseguimento della patente direttamente presso la scuola nautica, secondo modalità che dovranno però essere disciplinate con apposito decreto attuativo.
Avvocato Marzo 2021

Introdotta la possibilità per i cantieri navali di ottenere l’iscrizione nell’Archivio telematico centrale delle unità da diporto di propria costruzione.

– All’Articolo 49-octies (Centri di istruzione per la nautica) sono apportate una serie di modifiche ed integrazioni volte a regolamentare in maniera dettagliata la struttura ed il funzionamento dei centri di istruzione per la nautica, prevedendo innanzitutto che essi sono riconosciuti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e possono svolgere senza scopo di lucro attività di formazione e di istruzione dei candidati agli esami per il conseguimento delle patenti nautiche. Al pari della disciplina dettata per le scuole nautiche anche per i centri di istruzione per la nautica sono introdotte forme di controllo sull’esercizio di tale attività e sulla permanenza dei requisiti necessari; è disciplinata la procedura per la presentazione della richiesta di autorizzazione all’esercizio dell’attività ed i requisiti di coloro che possono presentare la richiesta. È introdotta la figura del responsabile didattico della scuola nautica e sono indicati i relativi requisiti, e sono individuati altresì i requisiti di cui devono essere in possesso coloro che all’interno della scuola svolgono attività di istruzione teorica e pratica. Sono infine previste le sanzioni per il caso di violazione delle relative norme.
– All’Articolo 60 (Denuncia di evento straordinario) viene aggiunto un comma 3-bis che prevede l’istituzione presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, dell’“archivio nazionale dei prodotti della nautica da diporto”, con la funzione di registrare gli infortuni e i danni alla salute che possono essere causati dai prodotti destinati ad utilizzo nautico. Si tratta di un’autentica novità a tutela sia della sicurezza della navigazione e del diportista sia delle aziende produttrici dei prodotti per la nautica da diporto.
Avvocato Marzo 2021

Istituito presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti l’archivio nazionale dei prodotti della nautica da diporto.

Infine, il decreto correttivo prevede, in attuazione delle previsioni, dei principi e criteri direttivi della legge delega n. 167/2015, l’introduzione nei Piani regolatori dei porti mercantili di strutture demaniali con destinazione per il ricovero a secco di imbarcazioni e di natanti da diporto.

(Il Codice è cambiato – Barchemagazine.com – Marzo 2021)