Cantiere del Pardo, 3×3 = 75

Per Cantiere del Pardo buone notizie dal Cannes Yachting Festival: tre brand, tre novità tra vela e motore, e una nuova ammiraglia da 75 piedi

by Niccolò Volpati

Negli ultimi anni Cantiere del Pardo ha ampliato i suoi orizzonti. Alla storica produzione di barche a vela, si è aggiunta quella di modelli a motore e, più recentemente, ha acquisito un cantiere olandese trasferendo la produzione in Italia. Il risultato sono tre brand: Grand Soleil per la vela, Pardo Yachts per il motore e VanDutch, sempre con modelli a motore.

GS 40 è il nuovo cruiser racer pensato per la regata e per la crociera. La versione Race prevede albero in carbonio e piano velico maggiorato.

Al salone di Cannes sono stati presentati due nuovi modelli a vela, il Grand Soleil 40 e il 72, e uno a motore, il Pardo GT 52. La carena di GS 40 è stata disegnata da Matteo Pollio, con interni e coperta di Nauta. Chi ha apprezzato il GS 44 di pochi anni fa, ritroverà tutte quelle caratteristiche anche su questo modello Race di soli quattro piedi in meno. L’obiettivo è sempre lo stesso: avere una barca capace di vincere in regata, ma anche di offrire comfort in crociera. La versione Race prevede l’ottimizzazione del piano di coperta di una barca già orientata alle performance, un piano velico maggiorato e l’albero in carbonio.

Anche il GS 72 sarà disponibile in due versioni: Long Cruise e Performance.

Grand Soleil 72, l’ammiraglia dei modelli a vela, ha visto la collaborazione, oltre a Matteo Polli e Nauta, anche di Franco Corazza e Marco Lostuzzi. Franco Corazza si è unito al Cantiere del Pardo proprio per sviluppare i modelli a vela di maggiori dimensioni e questo è uno scafo di 22 metri che diventa 23,75 metri fuori tutto. Lo scafo, per contenere i pesi, è realizzato in infusione con resine vinilestere a base epossidica in tessuti biassiali e unidirezionali in carbonio. Tutta la struttura, nelle parti che subiscono maggiori sollecitazioni, ha rinforzi in carbonio. La carena si caratterizza per una V pronunciata a prua e una bassa superficie bagnata che consente di smagrire la poppa. Il risultato è una barca più veloce con condizioni di vento leggero, tipico in Mediterraneo, e maggiore stabilità a barca sbandata per garantire sempre sicurezza in navigazione.

GT 52 in versione “galley up” prevede una zona cucina sul ponte principale in prossimità del pozzetto.

Per quanto riguarda il motore, a Cannes il cantiere ha presentato la versione denominata “galley up” del GT 52. Si tratta, come è facile intuire, di un’ubicazione diversa della cucina rispetto alla versione “galley down” presentata solo alcuni mesi fa. L’armatore potrà così scegliere tra una zona cucina più in basso rispetto al ponte principale oppure in dinette più vicina al pozzetto. Rimane, ovviamente, la continuità tra spazi interni e all’aperto ed entrambi i layout sono pensati per garantire il massimo comfort anche in caso di lunghe permanenze a bordo.

GT 75 Tender Garage con la poppa più chiusa e garage per il tender.

Ma oltre a quello che si è visto in banchina, durante la conferenza stampa, Cantiere del Pardo si è riservato un colpo di teatro finale, ovvero il progetto  già in fase avanzata del nuovo GT 75. È una barca a motore di quasi 23 metri di lunghezza che, come gli altri modelli Gran Turismo, si colloca a metà strada tra la gamma Walkaround ed Endurance. Aumentano le dimensioni e aumentano anche le possibilità di configurazione. Interni e coperta sono stati progettati da Nauta, mentre le linee d’acqua dello scafo sono opera di Zuccheri Yacht Design. La poppa della dinette avrà un portellone completamente apribile, il tetto è in modalità semi-open ed entrambe le fiancate dispongono di vetrate scorrevoli per accedere ai passavanti laterali. Scafo a V profonda per una navigazione sicura con qualsiasi condizione di mare e tanta potenza in sala macchine per garantirsi delle performance elevate. Lo scafo è stato ottimizzato per gli Ips di Volvo e le opzioni prevedono tre D13 Ips 900 come minimo, fino a tre D13 Ips 1350 per un totale di 3.000 cv.

Nell’immagine d’apertura, il GT 75 nella configurazione Beach Version.

(Cantiere del Pardo, 3×3=75 – Barchemagazine.com – Settembre 2022)