Absolute 48 Coupé, un nuovo orizzonte

Più sportiva, ma sempre ben fedele al Dna del cantiere di Podenzano. Primo della nuova gamma, un 15 metri dalla notevole abitabilità e buone prestazioni. Innovativo e intelligente l’allestimento di tutta la zona di poppa

by Luca Sordelli – photo by Alberto Cocchi

Uguale, ma diversa. Inconfondibilmente Absolute, ma nuova. Il cantiere di Podenzano ha deciso di aggiungere una nuova gamma al suo listino, affiancando Fly e Navette, e lo fa nel migliore dei modi, restando ben fedele ai suoi stilemi e al suo know-how, ma andando ad intercettare le richieste del mercato, la necessità di dare ad ogni proprietario la barca di cui ha bisogno. Il nuovo 48 Coupé piacerà agli armatori e alle armatrici dall’anima un po’ più sportiva, a chi non ha bisogno del fly, a chi d’estate non fa crociere molto lunghe. Arriva quindi qualcosa di un po’ diverso, ma restano i due punti fermi del cantiere: spazi sconfinati a bordo, carena performante e moderna, efficiente a tutte le velocità. Rimane, in realtà, anche un altro aspetto tipico dei progetti Absolute, rappresentato dalla voglia di inventarsi sempre qualcosa di diverso.

Fedele al Dna del cantiere, anche il 48 Coupé mette in mostra volumi ben superiori alla media delle concorrenti di uguale lunghezza. Il layout prevede tre cabine e due bagni al ponte notte. La cucina è sul main-deck.

Personalmente quando osservo un Absolute non posso non pensare che sono stati tra i primi cantieri, se non il primo in assoluto, ad accettare senza se e senza ma la rivoluzione degli Ips, che, con il passare degli anni, poi è diventata normalità. Penso anche alle loro carene che garantiscono tanti volumi interni oltre a buone prestazioni. Qualcosa di simile mi sovviene osservando il 48 Coupé fermo in banchina che mi aspetta per la prova. Questa volta l’innovazione è forse meno profonda, ma sicuramente interessante.

Molto ampia la cabina armatoriale a prua dai tanti volumi sfruttati nel migliore dei modi grazie al letto matrimoniale orientato in diagonale. Le doppie grandi finestrature in murata garantiscono luminosità, oltre che una bella vista verso l’esterno.

Le linee, come dicevo, sono inconfondibilmente quelle degli Absolute, a partire dalle doppie finestrature dal taglio contrapposto lungo le murate, dalle forme muscolose e da una prua dai tanti volumi con un dritto quasi verticale.

Il nuovo questa volta è a poppa. Il pozzetto è diverso da tutti gli altri modelli di questa dimensione: il coronamento è interamente vetrato; tutta l’area è arredata con mobili e divani configurabili in diverse soluzioni; la cucina è interna, sul main-deck, ma affaccia proprio qui sul pozzetto e la porta di accesso a sei ante trasparenti, di cui quattro scorrevoli, rende impercettibile la separazione tra il dentro e il fuori.

Le falchette laterali sono forate e stando stesi sui divanetti la vista sul mare non è quindi solo verso poppa, ma anche a dritta e a sinistra. Tutta la zona, infine, è completamente ombreggiabile grazie ad un tendalino elettrico a scomparsa nel tettuccio. Il risultato? Una grande ed elegante terrazza che affaccia sul mare. Sotto di lei c’è l’area bagno e “giochi”, con un facile accesso all’acqua e un ampio gavone per accogliere pinne, maschere e qualsiasi altro piccolo water-toy, dotato di un’apertura intelligentemente suddivisa in tre parti. Insomma, sopra si chiacchiera, si mangia, ci si gode il sole (o volendo l’ombra); sotto si gioca e ci si tuffa. In altre parole, nel corso della più classica delle crociere in famiglia: sopra i grandi, sotto i piccoli. È qui che palpita l’anima della barca, un piccolo capolavoro nello sfruttamento degli spazi.

INTERESSANTE IL DISEGNO DELLO SPECCHIO DI POPPA,
DAL TAGLIO ROVESCIO E CON DUE GRANDI INSERTI LATERALI, IN SINTONIA CON L’ANIMA SPORTIVA DELL’IMBARCAZIONE.

Per quanto riguarda la prova di navigazione, le sorprese sono state decisamente meno. In una giornata di sole e mare calmo, davanti a Varazze, anche il 48 Coupé ha confermato le ottime prestazioni a cui siamo abituati. I due 650 abbinati ai D6 da 480 cavalli lavorano bene all’interno di un ampio range di regimi. A dimostrarlo c’è la curva di rendimento più importante, quella dei litri di gasolio consumati per ogni miglio percorso, che una volta superati i 2600 giri va sempre a calare, a parte l’inevitabile picco finale quando si chiede ai motori svedesi il 100% della loro potenza. In numeri: velocità massima 28,4 nodi (6,5 litri miglio), momento di massima efficienza tra i 24 e i 25 nodi, a 3600 giri, per una spettacolare andatura di crociera che consente 265 miglia nautiche di autonomia (6,0 litri/miglio). Per chi non ha fretta, una buona soluzione può anche essere navigare in dislocamento, andatura che la carena disegnata dall’ufficio tecnico del cantiere di Podenzano certo non disdegna: a 10 nodi si consumano 50 litri ora e si possono fare 350 miglia senza passare dal distributore.

Engine room
In sala macchine ci sono due D6 da 480 cavalli di Volvo Penta con Ips 650. L’abbinamento con la carena Absolute si è dimostrato vincente, velocità massima oltre i 28 nodi, andatura di massima efficienza di 25 nodi con un consumo di 6 litri miglio. 

Il tettuccio rigido ospita pannelli solari che possono fornire una potenza di picco di 2,5 kW, energia che serve soprattutto in rada per utilizzare le utenze di bordo senza dover accendere il generatore.

ABSOLUTE S.P.A.
Via F. Petrarca, 4
Loc. I Casoni – Gariga
I-29027 Podenzano (PC)
T. +39 (0)523 354011
[email protected]
www.absoluteyachts.com

PROGETTO
Ufficio tecnico del cantiere

SCAFO
Lunghezza f.t. 14,9m • Larghezza massima 4,52m • Immersione a pieno carico 1,2m • Dislocamento a vuoto 21.190 kg • Capacità serbatoio carburante 1.600 l • Capacità serbatoio acqua 530 l 

MOTORE
2 Volvo Penta D6 Ips 650 • Potenza 353 kW (480 cv) • Numero di cilindri 6 • Alesaggio per corsa 103mm x 110mm • Cilindrata 5,5 l • Regime di rotazione massimo 3700 giri/min • Peso 645 kg

CERTIFICAZIONE CE
CAT B – 14

PREZZO
A partire da 815.000 € – IVA esclusa (Maggio 2022)

(Absolute 48 Coupé, un nuovo orizzonte – Barchemagazine.com – Maggio 2022)