Videoworks, ecco come difendersi dal cybercrime a bordo dei grandi yacht Videoworks, ecco come difendersi dal cybercrime a bordo dei grandi yacht
Videoworks ha messo a punto un sofisticato sistema di difesa dagli attacchi informatici a bordo dei superyacht. Oggi armatori, ospiti ed equipaggi possono facilmente... Videoworks, ecco come difendersi dal cybercrime a bordo dei grandi yacht

Videoworks ha messo a punto un sofisticato sistema di difesa dagli attacchi informatici a bordo dei superyacht.

Oggi armatori, ospiti ed equipaggi possono facilmente essere connessi in ogni luogo e in ogni momento. Ma questa stessa tecnologia espone i sistemi e i passeggeri al crescente pericolo degli attacchi informatici. Questi rischi richiedono di essere capiti, gestiti e monitorati.  Videoworks

Allarmismo? Non tanto: già nel 2013, nel corso di un esperimento, alcuni studenti della University of Texas sono stati in grado di “ingannare” i segnali GPS di un superyacht e di costringerlo ad andare fuori rotta senza che scattasse nessun allarme. Più recentemente, nel 2017, durante un altro test effettuato, uno specialista di crimini informatici che lavorava per una compagnia di dispositivi portatili, ha hackerato la connessione WiFi di un grande yacht e ha preso il controllo delle sue funzioni vitali, compresi il sistema di navigazione e il circuito chiuso di bordo.

La maggior parte dei sistemi di bordo sono interconnessi tra loro e gestiti tramite VLAN, spesso attraverso lo stesso punto di ingresso/uscita Internet (VSAT, 3G, 4G, ecc). Questo significa che tutto il traffico passa attraverso lo stesso portale, in questo modo un hacker che riesca a ottenerne l’accesso tramite una mail con virus sarebbe un rischio per l’intera rete, dai sistemi AV agli allarmi, all’aria condizionata, alla gestione dei motori, fino alle porte di sicurezza e ai sistemi di navigazione e monitoraggio.

La sicurezza dello yacht non è però l’unica preoccupazione. Molti armatori lavorano da bordo. Questo fa sì che le loro informazioni personali come indirizzi email, foto, video o persino i dettagli del conto bancario, siano vulnerabili a malware e phishing

Con i suoi oltre 25 anni di esperienza nell’integrazione IT nello yachting, Videoworks è nella posizione ideale per analizzare, definire e realizzare soluzione di cyber security disegnate su misura per gli yacht di nuova costruzione e per i progetti di refit.

Non esiste un singolo sistema di protezione di fronte a un determinato cyber attacco, non c’è, purtroppo “l’arma definitiva” contro questo genere di attacchi. Piuttosto, è necessario un approccio distribuito su vari livelli per limitare i rischi in termini di sicurezza, rendendo molto più difficile all’hacker l’accesso al network.

Videoworks ha integrato il Kerio Control nei propri sistemi rack a bordo di molti superyacht costruiti da cantieri come Baglietto, Perini Navi, Ferretti, Admiral, CCN e altri ancora. In combinazione con dispositivi “high network” di Cisco come Aironet Access Points, Catalyst Switches, router della serie e firewall di ultima generazione ASA FirePOWER, garantisce una potente e integrate difesa e una gestione dei sistemi prima, durante e dopo una violazione della sicurezza.