Tofinou 10: the day (sailer) after tomorrow Tofinou 10: the day (sailer) after tomorrow
Tofinou 10 è veloce e molto “stilosa”, ma ha anche volumi interni che permettono di rimanere a bordo per qualche giorno senza rinunciare al comfort... Tofinou 10: the day (sailer) after tomorrow

Tofinou 10 è veloce e molto “stilosa”, ma ha anche volumi interni che permettono di rimanere a bordo per qualche giorno senza rinunciare al comfort

di Niccolò Volpati, foto © Jean-Marie Liot

Tofinou 10 è il primo modello realizzato dal cantiere Latitude 46 dopo l’acquisizione da parte del nuovo proprietario. È un gruppo francese, lo stesso che ha rilevato Wauquiez. Al dieci metri disegnato da Joubert/Nivelt sono state affidate le sorti e il rilancio di questo brand.

TOFINOU 10

Tofinou 10 ha elementi tipici che riescono a non tradire gli amanti di questo genere, ma possiede anche qualche arma nuova. Lo stile è inconfondibile e non cambia.

Si tratta di un daysailer fatto per chi ama navigare con un certo stile. Alla vetroresina si accompagna tanto mogano a vista sulla tuga che serve anche per nascondere i rinvii di scotte e drizze in pozzetto.

E di nuovo che cosa ci sarebbe? Che non è solo una barca per le uscite giornaliere, visto che gli interni sono allestiti per accogliere comodamente quattro persone. Sottocoperta c’è tutto quel che serve per una crociera. Nelle due cabine, una a prua e l’altra a poppa, le cuccette misurano più di 150 cm di larghezza. Una misura superiore a quella tradizionale “alla francese”.

TOFINOU 10Anche l’abitabilità è più che accettabile. Sopra il letto, nella cabina di poppa ci sono ben 89 cm, una misura che consente di non sentirsi rinchiusi in uno spazio angusto. Il cucinino con un solo fuoco e il tavolo da carteggio, anche se piccoli, ci sono e sono funzionali.

Durante la nostra prova, tra Ile de Ré e La Rochelle non c’è molto vento. Iniziamo con il fiocco autovirante e la velocità non è niente male. Con sette nodi di reale, la barca viaggia quasi a cinque di bolina stretta. Provo a stringere al massimo e tiene tranquillamente un angolo di 30° senza inchiodarsi.

Il fiocco autovirante è molto comodo e, nonostante la tela non sia troppa, consente di condurre il Tofinou 10 molto facilmente. Come optional ci sono i winch elettrici e l’accoppiata con la vela di prua autovirante, consente, anche a una persona da sola, di navigare in tranquillità. Tutte le manovre, infatti, sono rinviate in pozzetto e sono vicine alla ruota del timone.TOFINOU 10

Proviamo ad allontanarci dalla costa, ma il vento non rinforza e sembra addirittura scendere d’intensità. Decidiamo di passare al Code Zero. Anche questa vela è facile da usare perché è arrotolata su un frullone.

La barca si comporta bene a tutte le andature, dalla bolina fino al lasco. Bastano sei nodi di vento reale per navigare bene.

Di bolina larga, con poco più di sette nodi registrati dall’anemometro, ne facciamo ben 6,3. Ma non è solo il dato che colpisce. È ottima anche la reazione. Appena entra una raffica o un minimo rinforzo, la barca accelera senza indugi.

 

TOFINOU 10

Adesso che ho provato il Code 0, apprezzo ancor di più il fiocco autovirante, perché, se il vento non è molto forte, si può optare per la vela con più superficie, altrimenti, se le condizioni sono più impegnative, una vela di prua con meno tela e che si manovra da sola, è perfetta per divertirsi, anche con equipaggio ridotto.

Noi abbiamo provato la versione più “mediterranea” con il timone a ruota e la chiglia fissa, ma come ogni buon cantiere francese oceanico, esiste anche una versione con chiglia mobile che consente di passare da un pescaggio di 2,35 metri a un solo metro.

Inoltre, chi lo preferisce, può optare per il timone a barra, anziché quello a ruota. Quello che si apprezza, oltre a un buon equilibrio tra sensibilità e stabilità di rotta è che, anche con la barca sbandata, la manovrabilità non è mai compromessa.

La pala del timone, infatti, è doppia e quindi uno dei due è sempre ben immerso. In conclusione, è una barca facile da manovrare, ma non lenta. Anzi, le performance sono di tutto rispetto, senza essere estreme.

E l’abitabilità, soprattutto considerato che lo scafo misura un centimetro in meno di dieci metri, consente a quattro persone di spingersi oltre alla sola uscita giornaliera perché i volumi sono adeguati per una crociera a corto e medio raggio.

 

TOFINOU 10
Progetto:
Joubert/Nivelt
Scafo: Lunghezza scafo 9.99 m • lunghezza al galleggiamento 8,80 m • baglio massimo 3,40 m • pescaggio fisso 2,0 m • pescaggio con chiglia retrattile 1,0/2,35 m • dislocamento con chiglia fissa 4.900 kg • zavorra 1.300 kg • sup. velica randa 33,7 mgenoa 22,50 m2 • Code 0 45 m2 • Spi 95 m2 • serbatoio carburante 50 litri • serbatoio acqua 140 litri
Motore: Nanni Diesel N3.21 • potenza 15,4 kW (21 cv) • 3 cilindri in linea • alesaggio per corsa 67×68 mm • rapporto di compressione 23:1 • regime di rotazione massimo 3.600 giri/minuto • trasmissione saildrive • peso (con piede saildrive) 144 kg
Certificazione: CE Cat. B per 6 persone
Prezzo: 262.000 €, Iva esclusa (versione base)

LATITUDE 46
Ile de Ré
F-1700 La Rochelle, Francia
+33 (0)5 46094179
www.classic-boats.com

Dealer in Italia
YachtSynergy Srl
Marina Cala Galera box 24
Porto Ercole (GR)
+39 0564 830234
[email protected]
www.yachtsynergy.it

(TOFINOU 10 – Maggio 2018)

  • TOFINOU 10 C _ CHANTIER LATITUDE 46
  • - TOFINOU 10 .C
  • CLASSIC BOATS - TOFINOU 10.C
  • TOFINOU 10 .C
  • CLASSIC BOATS - TOFINOU 10.C