A scuola di vela aurica sul lago maggiore A scuola di vela aurica sul lago maggiore
Organizzato dalla Traditional Sailing Academy  il corso si struttura su tre fine settimana, apertura il 27 aprile e chiusura il 25 maggio, basi di... A scuola di vela aurica sul lago maggiore

Organizzato dalla Traditional Sailing Academy  il corso si struttura su tre fine settimana, apertura il 27 aprile e chiusura il 25 maggio, basi di partenza Cerro di Laveno e Maccagno: si parte dall’ABC della vela aurica per arrivare a esercitazioni di manovre avanzate.  

Il corso è un’idea del Traditional Sailing Academy, la scuola di vela tradizionale creata in collaborazione con l’AVEV, Associazione Vele d’Epoca Verbano, e il CVMV, Circolo Velico Medio Verbano.  La vela aurica (in inglese gaff rig) è una vela di forma trapezoidale, antesignana della moderna velatura definita ‘Marconi’ o ‘bermudiana’, di forma triangolare. Nella navigazione da diporto nasce tra il XIX e il XX secolo. Viene issata in testa d’albero, facendo salire un’asta generalmente in legno chiamata ‘picco’ attraverso due manovre ben distinte, la drizza di gola e la drizza di penna. Sopra la randa può essere issata una seconda vela di forma triangolare, chiamata ‘controranda’.

Vela aurica a

Il primo week-end, quello del 27 e 28 aprile è dedicato ai marinai neofiti privi di alcuna esperienza, ai quali verranno insegnate nozioni basilari di vela su barche classiche.

Durante il secondo appuntamento , 11 e 12 maggio  si entrerà nel vivo del corso, le uscite pratiche si svolgeranno a bordo di barche  con vero e proprio armo aurico, quali il gaff cutter Striga Constanze, una robusta barca da lavoro danese, e Star 1907, un agile yacht già barca d’addestramento della corona britannica presso Osborne House (Isola di Wight – UK) nei primi anni del ‘900.

Il week-end conclusivo, l’unico dei tre che si svolgerà in alto lago a Maccagno il 25 e 26 maggio si svolgerà interamente a bordo e sarà dedicato alle manovre avanzate, dalla presa di terzaroli alla posizione di “cappa”, dall’ancoraggio all’utilizzo della controranda e gli ormeggi a motore. Sabato si sceglierà dove ormeggiare per pranzo (compreso nell’iscrizione), mentre quello di domenica sarà consumato a bordo all’ancora all’ombra dei fiabeschi Castelli di Cannero, rifugio in età medievale dei Mazzarditi, i pirati del lago.

La cena di sabato (facoltativa) verrà organizzata a Cannobio, caratteristico borgo sulla sponda piemontese, dopo un breve tratto di navigazione al tramonto. Il programma è ovviamente soggetto alle condizioni metereologiche e potrà essere modificato a discrezione degli organizzatori.

È inoltre previsto un quarto fine settimana, non obbligatorio, con uscita in mare su una goletta aurica, con ancora da definire con gli organizzatori.

(A scuola di Vela Aurica sul lago maggiore – Barchemagazine.com – Marzo 2019)