Rolls-Royce Intelligent Awareness, un chartplotter a volo d’uccello Rolls-Royce Intelligent Awareness, un chartplotter a volo d’uccello
Si chiama  Rolls-Royce Intelligent Awareness (IA) crea una panoramica a vista d’uccello di quello che stiamo per incontrare in mare. Sembra fantascienza, ma esiste veramente. ... Rolls-Royce Intelligent Awareness, un chartplotter a volo d’uccello

Si chiama  Rolls-Royce Intelligent Awareness (IA) crea una panoramica a vista d’uccello di quello che stiamo per incontrare in mare. Sembra fantascienza, ma esiste veramente. 

di Luca Sordelli

È il sogno di chi naviga, soprattutto di chi naviga tanto. Approcciare un porto, una rada, magari sconosciuti, oppure in condizioni meteo impegnative, la nebbia su tutte, e potersi sollevare per guardare le cose dall’altoRolls-Royce Intelligent Awareness (IA) 22

Come avere al proprio fianco un fedele falco che si alza in volo e ci indica la strada.

Certo, in maniera molto meno prosaica a bordo esistono sofisticati chartplotter, carte 3D, termocamere, ecoscandagli che ci ricostruiscono anche il fondale in maniera perfetta… il tempo dei portolani, carte dell’Istituto Idrografico della Marina e del Libro dei Fari e Fanali è molto lontano.

Ma questa invenzione può veramente essere un grande passo in avanti.

Di cosa si tratta esattamente? Rolls-Royce Limited (ma non stiamo parlando della Rolls-Royce Motor Cars Limited, dal 1988 controllata da BMW) ha sviluppato una tecnologia che crea una mappa 3D di un’imbarcazione basata sul LIDAR.

Rolls-Royce Intelligent Awareness (IA) 55È  un metodo di telerilevamento che utilizza la luce sotto forma di raggio laser pulsato per misurare le distanze. Può essere collegato ai dati GPS per creare ambienti 3D che consentono agli equipaggi di “vedere ciò che l’occhio umano non può”.

Un sistema IA Rolls-Royce Intelligent Awareness sarà installato a bordo del Sunflower, un traghetto passeggeri di 165 metri  della O.S.K. Lines in Giappone, che opera tra Kobe e Oita nello stretto di Kurushima, nelle acque più affollate al mondo. L’interfaccia con l’utente offre quattro modalità: realtà virtuale (2D e 3D), realtà aumentata e modalità “precisione”.

Il sistema IA fa parte del nostro progressivo sviluppo della nave autonoma – ha spiegato Iiro Lindborg, General Manager, Remote & Autonomous Operations di Rolls-Royce – ma abbiamo deciso di rendere disponibile la tecnologia sin da ora, in quanto offre vantaggi reali anche nell’ambiente marittimo attuale. L’IA è senza dubbio uno dei più significativi progressi fatti fino ad oggi in termini della sicurezza della navigazione. Fornisce al personale sul ponte di comando una consapevolezza molto più ampia di ciò che circonda la nave“. Rolls-Royce Intelligent Awareness (IA) 23

Rolls-Royce sta infatti lavorando da anni alla progettazione e realizzazione di sistemi di navigazione autonoma, ovviamente per il momento applicati ad ambiti commerciali su grosse navi e il sistema Rolls-Royce Intelligent Awareness è stato presentato durante l’evento Seatrade Cruise Global a Fort Lauderdale: “L’abbiamo lanciato – ha spiegato sempre  Iiro Lindborg durante un evento del settore crocieristico perché vediamo i maggiori benefici dell’IA proprio nel trasporto passeggeri. Man mano che aggiungeremo ulteriori sensori e applicazioni alla piattaforma, seguiranno altri tipi di navi di alto valore, come le grandi navi portacontainer.”
Ma non è difficile immaginare, a più lungo respiro, una sua applicazione al mondo del diporto.

Rolls-Royce ha quasi 50.000 dipendenti (16.500 sono ingegneri) in 50 nazioni (tra cui l’Italia: EMA in provincia di Avellino, Rolls-Royce Marine e Rolls-Royce Power Systems a Genova, MTU Italia a La Spezia, Trigno Energy, in provincia di Chieti),  e una lunga esperienza nel mondo Marine, oltre che aeronautico (civile e militare), power systems (tra cui MTU) e nucleare , nel 2016 la compagnia ha registrato un fatturato di 13,8 miliardi di sterline e  1,3 in ricerca e sviluppo. Ha, tra i clienti, più di 400 compagnie aeree e società di leasing, 160 forze armate, 4.000 clienti navali, di cui 70 marine militari e oltre 5.000 nel settore sistemi di potenza e nucleare.