RM 1370, il velista sull’oceano RM 1370, il velista sull’oceano
Solida, robusta e performante, la nuova versione dell’ RM 1370 guadagna spazio sopra e sottocoperta per più confortevole anche in crociera, ma sempre molto veloce.... RM 1370, il velista sull’oceano

Solida, robusta e performante, la nuova versione dell’ RM 1370 guadagna spazio sopra e sottocoperta per più confortevole anche in crociera, ma sempre molto veloce.

di Niccolò Volpati

Fuori da La Rochelle tiriamo un lunghissimo bordo di bolina. Ci alterniamo al timone, la sensazione è piacevole. Bastano poco più di dieci nodi per far filare il nuovo RM 1370 sempre sopra i sette. Quando l’aria rinforza fino a 13 nodi di reale, il Gps segna addirittura 8,6 di velocità, nonostante la bolina sia piuttosto stretta. RM 1370

Fin qui però niente di speciale. È tutto come te lo aspetti. Mentre ci avviciniamo al ponte per l’isola di Saint Martin, il vento molla di colpo. Viriamo in fretta per tornare dove c’è vento. Quello che colpisce è l’accelerazione. Basta una bava di vento per rimettere in moto l’ammiraglia del cantiere Fora Marine.

Non mi ero quasi accorto che stava entrando il vento che subito lo scafo ha ripreso il suo passo. Merito di Marc Lombard, il progettista, che è intervenuto dove serve. E visto che le linee d’acqua del precedente 1360 avevano dato risultati più che positivi, non le ha stravolte.

È cambiato il dritto di prua, con una linea leggermente rovescia, bilanciata da una delfiniera fissa sulla quale armare il Code 0 o il gennaker.

Alle andature portanti con il gennaker, quello che si fa apprezzare, oltre alle performance, è la stabilità di rotta. Stabile, ma anche con un timone abbastanza morbido che consente di condurre lo scafo in modo confortevole. Il risultato è un ottimo compromesso.

RM 1370 è facile da condurre, proprio perché al timone non risulta mai nervosa e nemmeno è difficile trovare l’angolo affinché prenda il suo passo. È davvero oceanica, nel senso che viene voglia di percorrere molte miglia. In pozzetto i winch sono sei, perché ci sono anche le volanti. La randa è armata alla tedesca e il paterazzo è sdoppiato.

RM 1370Tutto è più facile con una scotta che si regola sia sul winch di dritta, sia su quello di sinistre e, soprattutto, questo allestimento consente di godere di un pozzetto che sembra una pista di atterraggio per elicotteri. Il baglio è di quattro metri e mezzo e il quadrato misura 226×192 cm.

All’altezza delle due ruote del timone, la larghezza a disposizione è di 318 cm. Tanto spazio, studiato, ovviamente, per garantire una navigazione confortevole e una crociera rilassata. La poppa è aperta, così come era nella precedente versione. Chi lo desidera può montare delle panche che svolgono una doppia funzione: storage e seduta per il timoniere. L’unica cosa che non mi convince molto della coperta si trova più verso prua, dove finisce la tuga.

Il cantiere ha deciso che la parte prodiera della tuga di RM 1370 sia caratterizzata da due grandi vetrate che consentono di avere tanta luce naturale in dinette. L’idea è buona, il problema è che sono due superfici molto lisce senza un minimo antisdrucciolo, nemmeno intorno al vetro. Temo, quindi, che, soprattutto quando sono bagnate, possano far scivolare chi ha la sventura di passarci sopra.

Sottocoperta, la zona di prua dedicata alla cabina armatore, dispone di volumi molto accoglienti. L’altezza in cabina è di 190 cm, la cuccetta matrimoniale è decisamente larga e la soluzione con il bagno sdoppiato tra wc e doccia, consente di avere due locali ampi. In dinette si apprezza la tanta luminosità che arriva dai finestroni della tuga e dagli oblò laterali, oltre alle dimensioni della cucina e del carteggio.

Anche qui, però, non tutto mi convince. Ho ancora il metro in mano e mi accorgo che le cuccette delle due cabine di poppa non sono poi enormi. Una è sufficiente perché è solo pochi centimetri in meno di un letto a una piazza e mezzo, ma l’altra misura meno di 130 cm di larghezza.RM 1370

Vero è che si tratterebbe di un locale tecnico trasformato in terza cabina su richiesta dell’armatore, ma forse sarebbe stato meglio pensare a una soluzione con una cuccetta singola. Mi convince poco anche la larghezza di alcune porte che misurano solo 40 cm.  Per quanto importante sia combattere la tendenza dell’umanità all’obesità, 40 cm rischiano di essere una misura comoda solo per chi soffre di anoressia. Mentre mi dilungo a misurare, mi accorgo che il resto dell’equipaggio sta facendo rientro in porto.

Ammainano le vele e accendono il motore che è un Volvo da 75 cv con un’elica a quattro pale abbattibili. Anche con il propulsore le performance sono più che soddisfacenti visto che a 2000 giri si superano i sei nodi e alla massima arriviamo addirittura a otto e mezzo. Ma, ancor più piacevole, è la silenziosità.

Il fonometro registra valori molto bassi, soprattutto ai medi regimi. Merito della coibentazione del vano motore e della struttura in generale. Questo, come tutti gli RM, è realizzato in compensato marino rivestito di resina epossidica. I rinforzi, in vetroresina e kevlar, servono anche per l’isolamento termico e acustico. La rigidità dello scafo è dato da una gabbia di acciaio resinata e resa strutturale a centro barca, in modo da rinforzare l’attacco del bulbo e delle lande.

RM 1370 – LA SCHEDA TECNICA

Progetto: Marc Lombard Design Group
Scafo: Lunghezza fuori tutto 13,68m • lunghezza al galleggiamento 13,00m • baglio massimo 4,50m • pescaggio lungo (mono chiglia) 2,45m • pescaggio corto (doppia chiglia) 1,95m • dislocamento a vuoto con chiglia lunga 9.528 kg • dislocamento a vuoto con chiglia corta 9.803 kg • dislocamento a pieno carico 13.237 kg • serbatoio carburante 350 l • serbatoio acqua 600 l • serbatoio acque nere 110 l • randa 54,5 m2 • genoa 62,5 m2 • trinchetta 28,5 m2 • gennaker 175 m2

Motore: Volvo Penta D2-75 potenza 55 kW (75 cv) • regime di rotazione massimo 2.700-3.000 giri/minuto • cilindrata 2.2 litri • 4 cilindri • alesaggio per corsa 84mm x100mm • rapporto di compressione 23.3:1 • peso a secco 264 kg • elica 4 pale abbattibili
Certificazione: CE Cat. A

FORA MARINE
ZI Les 4 Chavaliers
F-17185 Perigny Cedex
Tel. +33 (0)546 447300
www.rm-yachts.comDEALER in Italia
Yachts Synergy
Marina di Cala Galera, Box 24
Porto Ercole (GR)
Tel +39 0564 830234
[email protected]
www.yachtsynergy.it

(RM 1370 – Febbraio 2018)

  • RM1370_29
  • RM 1370_11
  • RM1370 99
  • RM1370_36