Portofino 11 Fly Portofino 11 Fly

Portofino 11 Fly

BARCHE 1 aprile 2009

Un notevole baglio ha consentito di avere un ampio pozzetto e due cabine sottocoperta molto confortevoli. La carena a V profonda con diedro poppiero... Portofino 11 Fly

[nggallery id=269]

Un piccolo ma accogliente fly

Un notevole baglio ha consentito di avere un ampio pozzetto e due cabine sottocoperta molto confortevoli. La carena a V profonda con diedro poppiero di 18° naviga veloce con impatto morbido  di Guglielmo d’Assia

Questa graziosa e funzionale imbarcazione ha le dimensioni minime per supportare un flyingbridge, in quanto la lunghezza dello scafo è di soli 9 metri e mezzo. In compenso è notevole la larghezza, per cui la volumetria complessiva è sufficiente per contenere sul ponte inferiore un’ampia cabina di prora con letto matrimoniale, una a letti sovrapposti – dove l’altezza a soffitto di 185 centimetri rende confortevole la permanenza – e un locale toilette di misure ragguardevoli. Nella tuga sul ponte principale ci sono una luminosa saletta con divano e mobile di servizio in cui è contenuta l’attrezzatura da cucina, una zona pranzo con tavolo e due panche imbottite e il posto di pilotaggio sul lato sinistro. Questo è un po’ sacrificato, ma dispone di una comoda poltroncina, del puntapiedi e di una generosa ruota per la timoneria. La consolle degli strumenti è ben dimensionata e può ospitare tutti i quadranti di controllo, gli interruttori elettrici e alcuni visori. Il fly non ha grande estensione, ma per l’uso a cui la barca è destinata è più che sufficiente: d’altra parte le dimensioni dello scafo non accetterebbero un appesantimento eccessivo. Vasta è invece l’area del pozzetto, dove il pavimento è rilevabile quasi per intero mediante sistema elettroidraulico. Una volta sollevato scopre totalmente il compartimento motori che è piuttosto grande. È possibile quindi intervenire su questi stando in posizione eretta. La prova La prova si è svolta in acque calme e in tali condizioni si è rilevata una notevole silenziosità di navigazione. Le registrazioni fonometriche effettuate presso il posto di pilotaggio interno con la vetrata di poppa chiusa sono indicate nell’apposita tabella e solo a velocità massima si sono raggiunti gli 80 dBA. La carena di tutti i Portofino è a V profonda ed è progettata per la propulsione con linea d’assi per cui i 18° del diedro poppiero sono ideali per navigare veloci e con impatto morbido nell’onda moderata. Per questo esemplare, però, è stata utilizzata (pare su richiesta del cliente) la propulsione Ips a eliche traenti. La carena non è lunga, la V è accentuata e la portanza di poppa è più commisurata per la linea d’assi con una certa inclinazione che per una propulsione traente non portante. Comunque l’accelerazione si è rivelata allegra grazie ai 600 cavalli dei motori, ma l’assetto, pur con tre gradi di correzione, è rimasto piuttosto cabrato in permanenza. Forse non è nemmeno necessaria tanta potenza perché con due motori più piccoli e più leggeri la barca non perderebbe molto in velocità massima, ma migliorerebbe l’assetto. Stando così le cose, in certe situazioni è facile avere acqua in pozzetto, tanto più che il Rina ora non accetta pozzetti senza ombrinali aperti e in questo caso l’apertura è stata ottenuta con un varco al basso del portello che dà sulla plancia bagno. Anche il cantiere è dello stesso parere e per la prossima unità, in allestimento, verranno imbarcati due motori più piccoli. L’assetto planato si raggiunge comunque al regime di 2.200 giri/m (13 nodi), ma si mantiene anche diminuendo il regime di 100 giri e la velocità a 12 nodi. La massima è stata di 33 nodi. Chiudendo una rotta circolare a velocità di crociera (26-27 nodi) il raggio è di una trentina di metri. Scarsa è la risposta della timoneria nelle accostate alternate e successive. Nell’impatto con l’onda di scia il comportamento rientra nella norma per barche di queste dimensioni. Il committente non ha voluto il joystick che la Volvo fornisce con le Ips, ma in porto la barca manovra egualmente bene agendo solo sulle manette degli acceleratori.

Le prestazioni Condizioni della prova Sole • mare quasi calmo (onda da 0 a 0,10) forza 1 scala Douglas • bava di vento da NE forza 1 scala Beaufort • persone a bordo 4 • gasolio lt 350 • acqua lt 100 • dotazioni di sicurezza

Portofino Marine s.n.c.

16032 Camogli (GE) via Aurelia 206 tel. 0185 301004

fax 0185 301004

[email protected] www.portofinomarine.com

Scafo Lunghezza f.t. m 11,47 • lunghezza scafo m 9,48 • larghezza m 3,54 • cabine 2 • posti letto 4 + 2 • portata 10 persone • riserva combustibile lt 730 • riserva acqua lt 350 • materiale costruzione vtr • peso a vuoto kg 9.500 • rapporto peso/potenza imbarcata 15,78 kg/cv

Motori Due turbodiesel Volvo Penta • mod. Ips 400 • 4 tempi • iniezione diretta common rail • 4 cilindri in linea • alesaggio x corsa mm 103 x 110 • cilindrata 3.700 cc • 4 valvole per cilindro • controllo elettronico evc/ec • compressore volumetrico e turbo-compressore con aftercooler • potenza cv 301 (221 kW) • regime 3.500 giri/m • peso a secco kg 663 • rapporto peso/potenza 2,20 kg/cv

Alcune misure Letto matrimoniale cabina prora cm 195 x 155 • altezza a soffitto cm 185 • letti sovrapposti cabina ospiti cm 195 x 65 • altezza a soffitto cm 185 • locale bagno cm 145 x 110 • altezza a soffitto cm 185

Certificazione CE Categoria B

Prezzo ? 294.000 + iva

415.PDF