Nuovi Honda BF, tecnologia intelligente Nuovi Honda BF, tecnologia intelligente
Alla scoperta dei nuovi  Honda BF, motori da 175, 200, 225 e 250 cavalli, progettati e realizzati sull’architettura del blocco motore di un 6... Nuovi Honda BF, tecnologia intelligente

Alla scoperta dei nuovi  Honda BF, motori da 175, 200, 225 e 250 cavalli, progettati e realizzati sull’architettura del blocco motore di un 6 cilindri a V, ma ora integralmente ridisegnati dagli ingegneri giapponesi. La prova sui Ranieri Shadow 24 e Cayman 28 e sul Bwa Hp Reef 7.2

di Angelo Colombo

Il blocco del V6 è stato completamente riprogettato anche nell’elettronica, sebbene si tratti del 3.6 litri V6 presentato con l’introduzione del BF250. Le qualità che Honda ha voluto ulteriormente incrementare sono una maggiore cura nelle soluzioni destinate a prevenire fenomeni di corrosione e la riduzione degli interventi di manutenzione.

I quattro nuovi fuoribordo Honda sono tutti equipaggiati con accessori che ne permettono l’adattabilità a diverse applicazioni, come la possibilità di scegliere tra i comandi meccanici e quelli elettronici, strumentazione in grado di fornire in tempo reale al pilota tutte le informazioni provenienti dal motore, quindi giri, temperature, pressioni, consumi istantanei, medi e complessivi e molto altro ancora grazie alle porte di dialogo che permettono di collegare anche sensori a scelta dell’utente.

Nuovi Honda BF

© Ben Phillips

 

Difficile pensare che sotto quella calandra si celi un V6 di 3,6 litri, ma, aprendola, non ci sono dubbi e l’unica perplessità, utilizzando questi motori stando ancora fermi in porto, è che siano accesi. Il livello di vibrazioni e rumorosità è davvero modesto. Il sistema VTEC, Variable Valve Timing & Lift Electronic Control, presente sulle versioni più potenti di 225 e 250 hp, permette di ottenere l’apertura ottimale delle valvole già dei regimi più bassi e può essere modificata fino al raggiungimento del profilo di apertura ideale ai regimi più elevati.

Le quattro versioni hanno in comune un sistema denominato PGM-FI, vale a dire Programmed Fuel Injection, il quale ha il compito di fornire sempre la giusta quantità di benzina e di aria a ogni singolo cilindro per una combustione ottimale, dalla quale derivano partenze rapide e senza esitazioni, risposta all’acceleratore sempre pronta e riduzione dei consumi. Questo sistema si basa su un microprocessore che ha il compito di controllare in modo continuo e istantaneo l’iniezione in fase di avviamento e in tutto il range di funzionamento del motore, assicurando funzionamenti regolari e al massimo dell’efficienza possibile.

Altro elemento comune a tutte e quattro le versioni Honda BF è il Boosted Low Speed Torque, BLAST, grazie al quale prestazioni e soprattutto accelerazione beneficiano di un importante incremento rispetto alle versioni prive di tale tecnologia. Il sistema provvede a gestire il timing dell’iniezione in modo particolarmente preciso, permettendo al motore di girare senza esitazioni. Il modulo di controllo del motore, ECM, provvede a incrementare il tempo di iniezione di carburante creando una miscela più grassa all’occorrenza quando si chiedono accelerazioni immediate. Il risultato di questa tecnologia è la disponibilità di una gran coppia ai bassi e medi regimi che permette di far planare rapidamente anche barche un po’ pesantine.

Honda BF

Ranieri Shadow 24

 

Altro sistema presente sotto le calandre dei nuovi Honda BF è il Lean Burn Control denominato ECOmo, il quale nel range medio di rotazione, tra i 2.000 e i 4.500 giri, provvede a fornire alle camere di scoppio una miscela più magra, in pratica è un sistema elettronico che gestisce il rapporto stechiometrico, vale a dire il rapporto tra aria e benzina, aggiustandolo verso valori più “magri” in un range nel quale altrimenti si brucerebbe inutilmente una maggiore quantità di benzina. Questo significa maggiore efficienza e riduzione dei consumi.

Le prese d’aria laterali, sulla parte superiore della calandra, rispondono a esigenze tecniche molto specifiche che forniscono al motore aria sempre fresca e asciutta grazie a un sistema di drenaggio molto efficace. Durante la sessione di prove abbiamo realizzato tre test che riportiamo di seguito.

Ranieri Shadow 24
La barca era motorizzata con l’Honda BF 250D XDU, 250 HP, 3.583 cc, peso a secco kg 282, rapporto di trasmissione 2.0:1. Le persone a bordo erano 3, il peso complessivo approssimativo 2.100 kg inclusi 120 litri di carburante, accessori e dotazioni di sicurezza; vento 5 nodi, mare poco mosso, elica 15 ½” x 17” 3 pale. Grazie alla coppia pronta sin dai bassi regimi, nonostante il peso complessivo e la motorizzazione singola, siamo riusciti a far planare da fermo il Ranieri Shadow 24 in 4.8”, ma il dato che ci ha colpiti maggiormente è il consumo rilevato alla velocità di 29 nodi a 4.500 giri/min., 42,5 litri/ora che equivalgono a circa 1.46 litri/miglio.Honda BF

Tale risultato è agevolato dalla modalità EcoMode che abbiamo descritto precedentemente, la quale interviene da 2.000 a 4.500 giri ottimizzando il rendimento. La velocità massima che siamo riusciti a raggiungere è stata di 41,0 nodi a 6.350 giri/min. e un consumo di 85,8 litri/h ossia 2,09 litri/miglio. La planata comincia già 2.500 giri/min. ed è stabile e confortevole alla velocità di 9,7 nodi e un consumo di 13,2 litri/ora ossia 1,36 litri/miglio.

La combinazione scafo-motore è sicuramente molto equilibrata, il motore riesce sempre a soddisfare le richieste del pilota e lo scafo è in grado di assecondare sempre la tanta coppia e la poderosa potenza di questo 250 6V. Lo Shadow 24 di Ranieri è una barca comoda, adatta tanto alle uscite giornaliere con la famiglia e gli amici quanto a piccole crociere costiere.

Ranieri Cayman 28 Sport – 2X Honda BF 200D Xdu-Xcdu
Per le nostre prove abbiamo scelto anche il battello Cayman 28 Sport di Ranieri e questo ci ha permesso di valutare anche la doppia motorizzazione. Innanzi tutto va detto che Honda BF 200 ha davvero una gran coppia in basso e ai medi, merito della mappatura della centralina che in questa versione enfatizza ulteriormente le doti di questo V6. Il sound è sempre educato e discreto, ma la spinta è sempre forte e nella versione doppia a bordo del battello pneumatico di Ranieri davvero poderosa: 400 hp su un peso a secco di 1.750 kg, che con il pieno e le tre persone della prova più accessori e dotazioni di sicurezza supera di poco i 2.500 kg complessivi, che sono davvero tanti e si sentono. Le condizioni di mare e vento erano le stesse che abbiamo trovato anche con gli altri test.

Con una lunghezza totale di 8,55 m e una larghezza fuori tutto di 3,40 m, il Cayman 28 Sport offre il giusto spazio per affrontare escursioni con la famiglia e portarsi dietro tutto quel che si desidera per vivere giornate di mare all’insegna del relax o dello sport. Un battello ben costruito e che vanta uno scafo capace di assecondare sempre molto bene i 400 hp della motorizzazione e anche l’onda di scia di barche dislocanti più grandi che siamo andati a cercare durante il nostro test.

I motori erano dotati di eliche 15 ¼” X 19” 3 pale e le loro caratteristiche sono comuni a quelle già citate nella descrizione precedente. Lo scafo proposto dal cantiere Ranieri è in grado di supportare i 400 hp della nostra prova senza subirne la poderosa spinta congiunta, al contrario, traducendola sempre in moto ossia navigazione controllabile e molto divertente. La carena è votata alle prestazioni elevate e infatti abbiamo sfiorato i 46 nodi di velocità massima, ma il dato che forse interessa di più è che alla velocità di 34 nodi il consumo è di 34 l/h ossia 2,38 litri/miglio. Abbiamo testato la barca con un peso complessivo approssimativo di 2.760 kg, 3 persone a bordo, velocità del vento circa 4 nodi e mare poco mosso.

Honda BF

Bwa Hp Reef 7.2

 

Bwa Hp Reef 7.2
Poco più di 7 metri di lunghezza f.t., 3 di larghezza, un peso a secco di 950 kg e 250 hp sullo specchio di poppa che supportati da uno scafo molto marino esprimono tutto il loro potenziale. Questo è stato il terreno di prova del BF 250 D XDU di Honda sul battello BWA. Il motore come abbiamo detto anche in precedenza già ai bassi e ai medi regimi scarica una bella quantità di potenza che permette allo scafo di uscire rapidamente dall’acqua, ma, oltre questo, lascia che il battello sia gestito con precisione ed efficacia sulle onde senza farlo battere.

Certo, la capacità di assorbire l’energia dell’impatto con l’onda dello scafo aiuta, ma gestire salita e discesa con le manette e un motore sempre pronto è davvero divertente su questo battello. Inoltre il BWA HP Reef 7.2ha una carena che riesce a navigare con assetto impeccabile fino a 44 nodi e con un consumo di 83 litri/h, 1,89 litri/miglio. Ma anche qui, abbiamo in realtà un altro il dato che ci è piaciuto molto, ossia, a 30,5 nodi abbiamo registrato un consumo orario di 43 litri che equivale a un consumo di 1,4 litri/miglio.

Un gran risultato per l’ Honda BF 250 e anche per lo scafo di cui si intuisce la buona efficienza che ha ancor più valore se considerata insieme alla capacità di tenere il mare. Mezzo e motore ci hanno davvero convinti insieme, un’accoppiata che funziona per navigazioni confortevoli grazie ai bassi livelli di rumorosità e vibrazioni del motore, alla capacità di assorbire inerzie verticali dello scafo, alla razionale suddivisione degli spazi e allestimenti ben realizzati. Oltre questo, velocità di crociera elevate e consumi ragionevoli sono elementi che fanno di questa accoppiata una soluzione sicuramente da considerare per chi è in cerca di un mezzo simile.

(Nuovi Honda BF, tecnologia intelligente – Barchemagazine.com – Novembre 2018)

  • Honda BF Marine_Ranieri 2430
  • Nuovi Honda BF
  • Honda BF Marine_BWA.10
  • Honda BF
  • Honda BF Marine BF250_Right View