Navily, l’App che ti trova un ormeggio sicuro Navily, l’App che ti trova un ormeggio sicuro
Arriva dalla Francia e si chiama Navily, ovvero The Navigation Family: che sia un posto in banchina, o un  ancoraggio in rada, aiuta a trovare un ormeggio... Navily, l’App che ti trova un ormeggio sicuro

Arriva dalla Francia e si chiama Navily, ovvero The Navigation Family: che sia un posto in banchina, o un  ancoraggio in rada, aiuta a trovare un ormeggio sicuro. Porta i diportisti a fare la scelta migliore grazie alle testimonianze di altri viaggiatori.

Navily, fondata nel 2014, è stata pensata per offrire una soluzione a chi è già in navigazione e deve trovare un posto barca all’ultimo minuto o a chi, più semplicemente vuole far tesoro dell’esperienza di altri diportisti quando programma la sua crociera. I fondatori di Navily, consapevoli dell’importanza del confronto dei giudizi possibile alla condivisone di contenuti on-line, hanno raccolto oltre 30.000 commenti, spesso corredati da foto di porti e ancoraggi.

 

Navily 2

La start-up gestita da un team molto giovane (l’età media è di 28 anni) viene già usata da oltre 120.00 diportisti, che possono inviare le loro richieste senza costi aggiuntivi in più di 600 porti. La rete di marina presenti su Navily, per altro, negli ultimi mesi si è sviluppata in Paesi come Croazia, Grecia, Turchia, Malta, Montenegro, Cipro, Regno Unito, Tunisia e Marocco, mentre è stato raddoppiato il numero dei partner in Italia, Francia e Spagna.

Dotata di un’interfaccia decisamente ntuitiva, da pochi giorni Navily è stata potenziata da un design totalmente rinnovato, pensato per ottimizzare al massimo la navigazione dell’utente. Edouard Fiess, CEO e co-fondatore di Navily assieme all’amico e velista Benjamin Rousseau, spiega così la loro idea: “La scelta dell’ancoraggio è importante come quella di un hotel o un ristorante. La nostra comunità di marinai, in perenne crescita, grazie ai tanti commenti e alle funzioni della piattaforma, aiuta a liberarsi dallo stress per trovare il posto migliore, risparmiando tempo prezioso, che può essere impiegato per godersi al meglio le proprie vacanze in mare”.