Nations Trophy, giorno 2: poco vento a Palma di Maiorca Nations Trophy, giorno 2: poco vento a Palma di Maiorca
Venti leggeri e instabili hanno contraddistinto le regate di ieri della Nations Trophy: nella classe ClubSwan 50 vittoria per la spagnola Aifos 500, nella... Nations Trophy, giorno 2: poco vento a Palma di Maiorca

Venti leggeri e instabili hanno contraddistinto le regate di ieri della Nations Trophy: nella classe ClubSwan 50 vittoria per la spagnola Aifos 500, nella ClubSwan 36 primo posto invece per la croata Go Racing. Ferme le classi Swan 45 e ClubSwan42. 

Grandi festeggiamenti ieri a Palma sopratutto per Aifos 500, il team di casa di Jaime Rodriguez Toubes e SM Felipe di Borbone che ha centrato una tattica rischiosa, ma molto efficace: “Sono cose che riescono solo poche volte nella vita di un velista, ma succede. Dobbiamo festeggiare“, ha raccontato un entusiasta Antonio ‘Talpi’ Piris, il tattico di Aifos 500. “Certo, devi essere molto fortunato e devo essere sincero, ci è andata bene. Dopo la partenza anticipata e il rientro dalla linea la nostra unica opzione era di rischiare tutto su un lato del campo di regata. Ci siamo buttati a destra, e una bella rotazione del vento proprio da quella parte ci ha consentito di girare secondi alla boa di bolina“.

Sono molto contento che una volta lì riusciti a superare il leader, Fram (HM King Harald V, NOR)”  – ha continuato Piri –  “ci sono stati altri due cambi di percorso, e siamo stati bravi a reagire velocemente e a mantenere la testa della regata“. Nella classe ClubSwan 50 a condurre la classifica generale è ora Perhonen, di Ross Warbuton ieri secondo e che può contare su sei punti di vantaggio sulla svizzera Mathilde e dieci sulla svedese Regina 2.0.

Vittoria nella prova di ieri e anche testa nella classifica generale ClubSwan 36 per Go Racing, imbarcazione di proprietà di ACI Croatia e con Ivan Gaspic alla tattica: “Non è stato facile districarsi tra i venti leggeri e instabili che ha contraddistinto la regata. Ma abbiamo fatto un paio di scelte giuste…“. Gaspic si è anche soffermato a raccontare le impressioni di navigazione sui nuovi Swan 36, scafi coi foils e ancora tutti da scoprire: “Non è facile trovare il giusto assetto, basta che il vento vari di un paio di nodi per dover rivedere le regolazioni dell’armo, l’assetto dell’equipaggio. In sostanza di tutto“. Ora la barca croata precede in classifica generale di solo due punti l’italiana Thirty – Six. Italia prima invece nella classifica generale del Nations Trophy. Un primato da difendere nelle ultime due giornate di regate in programma.