Nanni e Ranieri Tonissi, i perché di un accordo Nanni e Ranieri Tonissi, i perché di un accordo
Siglato un accordo tra l’azienda italo francese e la genovese Ranieri Tonissi per la distribuzione in Italia dei motori diesel di Nanni Nanni e Ranieri Tonissi, i perché di un accordo

I perché dell’accordo tra l’azienda italo francese e la genovese Ranieri Tonissi per la distribuzione in Italia dei motori diesel di Nanni 

foto di Andrea Muscatello

Quella di Nanni DieselMan high speed è una storia che compie ormai 29 anni, risale al 1988 il partenariato esclusivo tra l’azienda italo francese e il colosso tedesco, da allora Nanni è importatore ufficiale di motori Man in Francia e nel continente africano. Customizzazione, qualità e innovazione le hanno garantito nel tempo la conquista di considerevoli fette di mercato fino ad affermarsi tra i maggiori produttori al mondo di motori entrobordo diesel.

La sfida firmata Nanni è da sempre stata quella di circondarsi di prestigiosi partner collaborando con aziende di riferimento mondiale nell’ambito della meccanica automobilistica e industriale. Ancor oggi l’azienda persegue la medesima strategia di sviluppo e sigla un accordo commerciale con la genovese Ranieri Tonissi, storico distributore di motori Man su territorio italiano. 

Gregorio Passani, direttore operativo di Nanni, commenta così le nuove scelte aziendali: «La collaborazione commerciale con Ranieri Tonissi nasce formalmente nel 2015, confermandosi operativa dal 2017, ma la sinergia tra le due aziende prosegue sin dagli anni 90’, da allora abbiamo lavorato in maniera congiunta per lo sviluppo dei motori Man, noi in Francia, loro in Italia, tanto nel mercato da diporto quanto nel professionale. Avevamo bisogno di un solido partner che ci rappresentasse in Italia alla luce delle più recenti innovazioni in termini di gamma di potenze e Ranieri Tonissi ci è parsa la risposta più adatta alle nostre esigenze commerciali».

Abbiamo seguito step by step il percorso dell’azienda francese che negli ultimi anni ha scommesso sul suo futuro investendo le proprie risorse in ricerca e sviluppo, un lavoro che oggi le è valso una gamma di motori eccezionalmente capillare andando a coprire in perfetta progressione un arco di potenze dai 10 ai 1900 cv. LaSilver Series” da 300 a 800 cv, nata dal recente accordo con l’azienda americana John Deere, è stata pensata come liaison tra la gamma Kubota e Toyota, da sempre il core business Nanni, e le più elevate potenze Man.

«La marinizzazione dei tre motori JD, il 6.8, il 9.0 e il 13 litri ci ha permesso di colmare perfettamente quello che altrimenti sarebbe stato un piccolo gap di potenza nella nostra gamma. Non ho timore nell’affermare che l’ampia offerta di Nanni sia oggi una tra le più competitive sul mercato» afferma soddisfatto Gregorio Passani. Rientra certamente in quest’ottica l’accordo con Ranieri Tonissi, la cui storia è antichissima: il fondatore, da cui il nome dell’azienda, inizia la sua attività a Genova nel 1886 come importatore di macchine industriali.

Da tre generazioni è di proprietà della famiglia Airoldi che, grazie alla stretta collaborazione con il gruppo tedesco Man, estende il suo campo di attività al settore marino. Oggi Ranieri Tonissi è importatore esclusivo per l’Italia dei motori marini prodotti dagli stabilimenti di Norimberga Man e vanta oltre 30 centri assistenza dislocati nei punti strategicamente più importanti per il diporto, lungo le coste italiane.

Abbiamo incontrato a Genova Alessandro Airoldi, l’amministratore delegato della società: «L’accordo con Nanni ci permette di presentarci al mercato con la gamma più vasta offerta da un solo fornitore, sia nel campo del diporto sia nel campo delle applicazioni commerciali, con tutto quello che comporta a livello di immagine e di diffusione».

L’azienda genovese da oltre 60 anni ha sempre curato esclusivamente la fascia più alta del mercato. La Man infatti fornisce motori a partire da 400 cv su base 12 lt. Con la gamma di motorizzazioni Nanni, Ranieri e Tonissi sarà in grado di servire la cantieristica di media potenza, dai classici gozzi italiani, alla vela, allo yachting. Nanni si appresta a guadagnare un posto di rilievo nel mercato da diporto e professionale.

In merito Alessandro Airoldi commenta: «L’accordo con Nanni è finalizzato allo sviluppo delle sinergie con la nostra azienda al fine di favorire la promozione dei suoi motori presso la cantieristica italiana riportando il brand ai livelli di immagine e di presenza sul mercato che gli competono». Si tratta senz’altro di un accordo strategico da cui scaturisce una proposta innovativa studiata per evitare che si crei una overlap tra la gamma Nanni e quella Man che risultano perfettamente equilibrate.

Il service rappresenta senza dubbio il valore aggiunto del neo partenariato, in proposito Passani racconta: «Il punto di forza dell’accordo siglato è certamente il vantaggio che assicuriamo in termini di service, per cui il cantiere che decide di installare Nanni sulla gamma più piccola e MAN nella fascia più alta avrà un solo interlocutore con il quale interfacciarsi, Ranieri Tonissi in Italia, Nanni Diesel in Francia».


Pact of STEEL

An agreement has been signed between the Italian-French company and Genoa-based Ranieri Tonissi for the distribution of Nanni diesel engines in Italy 

The partnership between the Italian-French firm Nanni Diesel and the German colossus MAN, renowned for its high-speed engines, has twenty-nine years of history behind it. In fact, Nanni has been the official importer for MAN engines in France and across Africa since 1988. Customisation, quality and innovation have enabled them to win over considerable portions of the market, becoming established as one of the world’s biggest inboard diesel engine manufacturers.

Nanni has always sought to surround itself with prestigious international partners in the industrial and car mechanics sector. The firm still pursues the same development strategy today and has signed a commercial agreement with Genoa-based Ranieri Tonissi, a long-standing distributor of MAN engines in Italy.

Gregorio Passani, operations director at Nanni, has this to say about the company’s latest move: «Our commercial partnership with Ranieri Tonissi formally began in 2015, with operations getting underway in 2017, but the synergy between the two firms started back in the 1990s. Since then we have worked together towards the development of MAN engines – us here in France and them in Italy – in both the pleasure boating and professional market. We needed a solid partner able to represent us in Italy in the light of recent innovations in the power range. We felt that Ranieri Tonissi was the best solution to our commercial requirements».

We have observed the course taken by the French firm step by step and have seen how, over recent years, it has taken a gamble on its future by investing its resources in research and development. This has led to a range of engines spanning powers from 10 to 1900 HP in perfect progression. The Silver Series, from 300 to 800 HP, created as a result of its recent agreement with the US firm John Deere, has been conceived as a liaison between the Kubota and Toyota range (that have always represented Nanni’s core business) and the higher powered MAN engines. «The marinisation of three JD engines – the 6.8, 9.0 and 13 l – has enabled us to bridge what would have otherwise have been a small power gap in our range. I’m not afraid to state that Nanni’s extensive offer is now one of the most competitive on the market», says Gregorio Passani with great satisfaction.

Hence the agreement with Ranieri Tonissi, whose history goes back a long way. Its founder, who lent his name to the company, started up the business in Genoa in 1886 as an importer of industrial machinery. It has belonged to the Airoldi family for three generations. Thanks to their close partnership with the German MAN group, they extended its field of activity to the marine sector. Today, Ranieri Tonissi is the sole Italian importer of marine engines produced by the MAN plants in Nuremberg and boasts more than thirty service centres dotted around the Italian coast.

We met Alessandro Airoldi, the company’s managing director, in Genoa: «The agreement with Nanni allows us to present ourselves to the market with the most extensive range offered by a single supplier, both in the field of pleasure boating and in the field of commercial applications, with everything this entails in terms of image and coverage». The Genoa-based firm has catered exclusively to the top end of the market for more than sixty years. In fact, MAN supplies 12-litre engines starting from 400 hp. Thanks to Nanni’s range of engines, Ranieri Tonissi will be able to cater to medium-power boat builders, from classic Italian gozzi to sailing boats and yachts. Nanni is set to earn itself a leading position on the pleasure boating and professional market.

To this regard, Alessandro Airoldi comments: «The agreement with Nanni is intended to develop synergies with our company for the purpose of promoting its engines to Italian boat builders, giving it the levels of visibility and coverage that it deserves». There is no doubt that this is a strategic agreement that has inspired an innovative proposal designed to prevent an overlap between the Nanni range and the MAN range, which are perfectly balanced. The service certainly represents the added value of the new partnership, regarding which Passani tells us: «The real strength of the recently signed agreement is certainly the advantage we can offer in terms of service, meaning that boat builders who decide to install Nanni in their smaller range and MAN in their higher range will only have to deal with a single supplier: Ranieri Tonissi in Italy and Nanni Diesel in France».

 

  • F32A0156
  • F32A0180
  • F32A0264
  • NANNI

Iscriviti alla newsletter!

X