Qual è il futuro per il mondo dei fuoribordo? Come si colloca un colosso americano come Mercury all’interno del mercato europeo? Ce lo spiega... Cosa chiede il mercato dei fuoribordo? Lo spiega Marty Bass, Presidente EMEA Mercury Marine

Qual è il futuro per il mondo dei fuoribordo? Come si colloca un colosso americano come Mercury all’interno del mercato europeo? Ce lo spiega Marty Bass, Presidente Mercury Marine EMEA.

Bass ha focalizzato il suo discorso sugli ultimi positivi risultati da parte del marchio statunitense, su come la battaglia sia focalizzata sulle mercury-fuoribordo-15-20hp-barra-guida-barchemagazine 2grandi potenze, sia per quanto riguarda i fuoribordo che gli entrobordo (guardare per credere la nostra prova del Mercury 6.7L che ci ha portati a 69 nodi di velocità…). Infine Marty Bass insiste su come sia sempre più importante offrire ai diportisti una buona scelta di accessori.

L’occasione per incontrarlo è stata l’ultima edizione del METS di Amsterdam, dove la Mercury ha anche presentato il suo nuovo Mercury EFI FourStroke 15/20hp. Cos’ha di nuovo? Prima di tutto il peso, che è del 10% inferiore rispetto al predecessore, ma è soprattutto in termini di funzionalità che cambia parecchio…

Prima peculiarità è la presenza di una barra di guida multifunzione del tutto inedita sul mercato: prevede la possibilità di scegliere se averla destra o sinistra, facilitando quindi l’uso da parte dei mancini o semplicemente per chi preferisce averla sulla destra, anziché alla sinistra della calandra.

E, sempre nell’ottica di adeguarsi al 100% alle esigenze di chi va per mare, anche il senso della rotazione dell’acceleratore può essere scelto, “aprendo” o “chiudendo” col polso.

Quando non serve cambiare la rotta, la barra si può anche ruotare verso l’alto (73°) e bloccare, a quel punto si interviene solo sul gas restando fermi sulla propria direzione. L’angolo di lavoro è facilmente modificabile (da -5° a +20° di inclinazione) rispetto alla normale posizione verticale.

Oltre a questo si è anche lavorato per migliorare in termini di manutenzione: i principali cambiamenti riguardano il sistema di lavaggio con acqua dolce, il filtro di separazione acqua/carburante, e anche il sistema di drenaggio dell’olio anti-sgocciolo e anti-fuoriuscita.