Massimiliano Mucchietto Massimiliano Mucchietto
I primi segnali di ripresa del mercato nautico sono confermati anche dal direttore generale di Yamaha Italia che lascia l’azienda giapponese dopo 5 anni... Massimiliano Mucchietto

Fiducia nel futuro

I primi segnali di ripresa del mercato nautico sono confermati anche dal direttore generale di Yamaha Italia che lascia l’azienda giapponese dopo 5 anni di intenso lavoro

 

Dopo anni di decrescita continua del mercato nautico, coglie anche lei i primi segnali di ripresa?

Si notano concreti segni di ripresa macroeconomica che vanno via via consolidandosi grazie ad una maggiore fiducia dei consumatori. Nei primi quattro mesi di quest’anno le vendite dei motori fuoribordo sono cresciute complessivamente del 5 per cento rispetto allo scorso anno. Yamaha Italia ha fatto registrare un più 26 per cento. Nell’arco di 12 mesi il mercato è cresciuto del sei per cento e Yamaha del 22. Ci troviamo di fronte a una bella ripresa che pensiamo avrà valori doppi quando coinvolgerà anche le imbarcazioni.

Quali sono state le misure che avete messo in campo per gestire una situazione molto complessa?

La principale è stata quella di salvaguardare la nostra rete vendita che consideriamo un grande patrimonio, abbiamo 1500 dealer in Europa di cui 130 solo in Italia. Abbiamo ridotto il numero dei punti vendita, facendo una selezione per avere dei concessionari con zone più ampie, in modo che potessero avere il giusto equilibrio finanziario. Abbiamo puntato sulla qualità del prodotto dando 5 anni di garanzia e adottato dei listini più trasparenti grazie ad una riduzione della leva sconto salvaguardando così anche il valore dell’usato.

Come affrontate la sfida che vede arrivare motori fuoribordo sempre più potenti?

Stiamo cercando di costruire un prodotto per l’utente o stiamo cercando di avere un’immagine migliore? Potremmo crescere con potenze ancora più elevate, ma pensiamo che non ci sia la necessità tra i consumatori. I diportisti stanno dando più importanza ad aspetti più concreti come l’affidabilità, i consumi e il rapporto qualità prezzo.

Quale è la vostra idea del mercato dei prossimi anni?

Ci aspettiamo un mercato in crescita per i prossimi anni a sancire un’uscita dalla crisi che già sta avvenendo. Il profilo del consumatore si è però evoluto in Italia così come in tutta Europa con l’adozione di criteri di scelta più funzionali quali qualità, affidabilità e servizio piuttosto che squisitamente emozionali come design e prestazioni assolute.

Tutte le multinazionali come la vostra sono molto vicine alle esigenze del consumatore e all’attenzione del servizio post vendita, ma c’è un elemento di cui siete particolarmente orgogliosi della vostra azione e che vi fa essere differenti?

Il prodotto ci dà una base fortissima, ma proprio perché siamo convinti di questo, non dobbiamo sprecare nulla dei nostri valori che non devono andare persi. La chiave è la rete di vendita che deve essere competente in tutti gli aspetti.

Quanto contano i successi di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi in Moto Gp per il settore dei fuoribordo? C’è un influenza diretta sulla percezione del brand?

Quella nel racing è una sfida tecnologica. Rossi per l’Italia è un’opportunità in più ed è un tassello di un mosaico che ci aiuta a far comprendere i valori di eccellenza di tutti i prodotti Yamaha.

 

 

Trust in the future

The first signs of the nautical market’s recovery are confirmed even by the general director of Yamaha Italia who, after 5 years of hard work, has left the Japanese company

 

After years of continuous decline in the nautical market, are you looking too at the first signs of recovery?

We perceive real signs of macroeconomic recovery, which are strengthening thanks to an increased customer confidence. In the first four months of this year the outboard engine field has grown by 5 percent compared to last year.

Yamaha Italia recorded + 26 percent. Within 12 months the market has grown by six percent and Yamaha by 22. We think this is a good recovery that could double when the boats are also involved.

What measures have you used to oversee such a difficult situation?

The main one was to safeguard our sales network which we consider a great heritage, we have 1500 dealers in Europe of which 130 are in Italy.

We have reduced the number of stores, making a selection to have dealers with broader areas of market, ensuring them the right financial balance.

Our aim was the quality of the product so we have extended the warranty to 5 years making the maintenance costs clear and using a limited discount system in the network.

How do you deal with the technological challenge which wants even more powerful outboard engines to be available on the market?

Are we looking to build a product for the customer or for a better image of ourselves? We can grow in power, but we think that this is not the market demand. Boaters are enhancing more concrete aspects such as reliability, fuel economy and value for money.

What is your idea about the market in the next few years?

We expect a growing market over the next few years to confirm the exit from the crisis that is already happening. The consumer profile has evolved, however, in Italy as well as throughout the rest of Europe, with the adoption of more functional criteria like quality, reliability and service. rather than purely emotional ones like design and top performance.

All the multinational companies like yours are very close to the needs of the consumer and to the attention of the after sales service. Is there any activity of yours you’re very proud of and that makes you different from others?

The product gives us a strong base. But precisely because we are convinced of this, we should not waste any of our values which must not be lost. The network plays the key role and it must be competent in all aspects.

How important is the success in Moto Gp of Jorge Lorenzo and Valentino Rossi for the outboard field? Is there a direct influence on the brand?

The racing one is a technological challenge. Rossi represents one more chance for Italy and he is a piece of a mosaic that helps us to make others understand the values of excellence of all Yamaha products.

(Ottobre 2015)