KAMANA Expedition, tra orsi e iceberg, verso il passaggio a NW KAMANA Expedition, tra orsi e iceberg, verso il passaggio a NW
Prosegue all’insegna delle forti emozioni la spedizione di Kamama Expedition. Ora sono al’altezza della ben poco nota Herschel Island, davanti alla costa dello Yukon Canadese,... KAMANA Expedition, tra orsi e iceberg, verso il passaggio a NW

Prosegue all’insegna delle forti emozioni la spedizione di Kamama Expedition. Ora sono al’altezza della ben poco nota Herschel Island, davanti alla costa dello Yukon Canadese, poco dopo il confine con l’Alaska. Hanno percorso circa un quarto del percorso che devono compiere (3.500 miglia). 

Il punto più critico è stato superatoPoint Barrow (che è anche il luogo più a Nord degli Stati Uniti). I ghiacci artici hanno infatti tardato a sciogliersi, e il Plum e il suo equipaggio sono riusciti a passare all’interno di una finestra meteo brevissima, poi si sono richiusi dietro di loro

Per farlo hanno dovuto fare un vero e proprio slalom tra iceberg e grawler, spesso nella nebbia  più fitta e poi alternando giornate di sole ad altre plumbee e con condizioni meteo molto impegnative. A differenza di quanto di solito avviene in questo periodo le acque dell’Alaska si sono infatti dimostrate molto ventose e con un mare agitato e “incrociato”. Sempre contrariamente alle previsioni hanno navigato quasi sempre a vela, pochissimo a motore.

Hanno fatto incontri meravigliosi come l’orso polare della foto in allegato, a Kaktovik. Hanno condiviso parte del viaggio con l’amico rimorchiatore Dana Cruz e il suo comandante californiano e velista Bob. Si sono avvalsi dei consigli del  mitico Victor Wejerche vive a Toronto e gratuitamente segue tutti i velisti pronti a fare il passaggio Nordovest o navigare nelle acque Artiche. Coautore del nuovo e prezioso libro RCC Arctic and Northern Water, non vuole un Euro per il suo servizio, ha 76 anni e da 60 naviga.

Da buoni italiani a bordo di Kamana Expedition hanno anche cucinato molto. Tra le altre cose hanno sfornato del  meraviglioso pane, pizze focacce e lasagne (purtroppo una “gravissima” dimenticanza nella cambusa, il burro, ha reso difficile fare la besciamella, ma è venuta in soccorso del Plum un’amica su Facebook che ha prontamente mandato la ricetta per farla anche senza!)

Enrico-Tettamanti-in-navigazione-lungo-la-costa-Nord-dellAlaska

Enrico Tettamanti comandante di Kamana Expedition

Ai primi di agosto arriveranno a Cambridge Bay dove l’equipaggio di Plum diventerà ben più numeroso: a Enrico Tettamanti (il comandante della spedizione), Mafio de Luca, Camilla Rothe e Marcello Corsi si uniranno Giulia Azzali, moglie di Enrico con loro figlio Kay di meno di due anni, e il socio finanziatore della spedizione e amico di Enrico, anche lui con la moglie e i quattro figli, tra gli otto e i quindici anni.

Se la spedizione andrà a buon fine sarà la prima volta che un equipaggio italiano riuscirà a compierlo “contromano” da Ovest ad Est. Nel corso degli anni solo altre due volte l’impresa è riuscita a nostri velisti, ma nel senso “normale”, quello più battuto e anche più facile: da Est a Ovest.