Invictus 370 GT. La prova dell’ammiraglia Invictus 370 GT. La prova dell’ammiraglia
Anche l’ammiraglia disegnata da Christian Grande non tradisce le aspettative: carena performante e sicura, coperta e interni confortevoli ed eleganti. Il tutto senza rinunciare... Invictus 370 GT. La prova dell’ammiraglia

di Niccolò Volpati

L’ONDA È DI QUELLE CHE NON LASCIA SCAMPO. Arriva fino a quasi un metro di altezza e si è formata per il libeccio dei giorni precedenti. A complicare le cose c’è il traffico. Nel Golfo di Cannes, soprattutto quando ci sono eventi o fiere, le imbarcazioni di tutte le dimensioni che navigano o manovrano sono davvero tante.

Il risultato è che all’onda di libeccio si aggiunge quella di scia di mega e giga yacht. L’Invictus sul quale siamo saliti è l’ammiraglia del cantiere. Misura quasi undici metri e mezzo fuori tutto. Proprio la misura di scafo che patisce un’onda incrociata di quasi un metro d’altezza. La condizione ideale per testare il nuovo 370 GT perché quando il mare è piatto come un olio, navigano bene anche i pedalò da spiaggia.

Ci allontaniamo dalla costa e dall’ingresso del porto di Cannes e affondiamo la manetta. È elettronica e ha un minimo ritardo. Tutto come previsto. La potenza dei due MerCruiser da 272 kW (370 cv) è parecchia e appena entra si fa sentire. Gli entrofuoribordo spingono bene e l’accelerazione è più che positiva visto che bastano sette secondi per planare. Saliamo con i giri e lo scafo continua a comportarsi egregiamente. Fino a 3500 continuiamo a prendere male le onde, nel senso che non ce ne preoccupiamo. Di prua, di poppa, al traverso. In qualsiasi modo si navighi, la V di prua e l’angolo a poppa fanno il loro lavoro.

La barca non soffre. Salta, ma nemmeno troppo e, soprattutto, ogni colpo non è secco. L’acqua non manca mai sotto la carena. Ci si sente ben piantati sulla superficie e la sensazione è quella di non perdere il controllo. Non è cosa da poco visto che stiamo navigando intorno ai trenta nodi e l’onda, come abbiamo detto, è di quelle che metterebbe in difficoltà molte barche di queste dimensioni. Per scatenare tutta la potenza dei motori dobbiamo navigare nell’incavo dell’onda. Ci allontaniamo ancora un po’ dalla costa per prendere la “rincorsa”. Affondiamo tutta la manetta e arriviamo a 4000 giri e poi a 4100. Il Gps segna prima 40 e dopo 42,6 nodi. Tanta roba.

La prestazione è decisamente sportiva. Chi sta al timone ha un range ampio perché il minimo di planata si ha intorno ai quindici nodi. E i consumi passano dai 65 litri/ora totali a 158. Sul “rettilineo” tutto più che bene. Quello che ci ha convinto meno è la timoneria. È incredibilmente maneggevole e forse perfino troppo. Non è un difetto della barca e nemmeno di MerCruiser. Si tratta solo di trovare la giusta taratura.

Io personalmente preferisco un volante meno dolce, ma che mi dia la sensazione di avere più affidabilità in virata. Invictus 370 GT, infatti, è a pieno titolo una barca sportiva, in grado di fornire prestazioni esaltanti. Meglio sforzare i bicipiti e avere un timone che risponde prontamente alle correzioni di rotta senza eccessi volti a ottenere un comfort fin esagerato.

Interni e coperta sono di Christian Grande. Il suo stile è distinguibile e molto apprezzato. Le finiture e i materiali di Invictus 370 GT sono ottimi. A me, personalmente, è piaciuto l’accostamento di legno, tessuti e acciaio. Il bimini, può essere del tipo richiudibile e a scomparsa oppure più grande che copre tutto il pozzetto grazie a dei pali amovibili in fibra di carbonio. L’altezza sottocoperta in ingresso supera i due metri e comunque sopra la cuccetta c’è aria perché il “soffitto” dista 80 centimetri. 

Ottima anche la possibilità di customizzare gli allestimenti con due letti che possono essere uniti o separati. In quest’ultimo caso, la dimensione è quella di una super cuccetta tripla perché la larghezza è addirittura di 190 cm. Tra i dettagli azzeccati che arricchiscono lo stile ci sono sicuramente le valigie in pelle che fungono da armadietti. Infine, è disponibile una versione che ha le fiancate laterali del pozzetto che si aprono a balconcino in modo da guadagnare ulteriore spazio per il comfort durante le soste in rada.

PRESTAZIONI 

• Progetto Christian Grande

• Scafo Lunghezza fuori tutto 11,40 m

• Larghezza massima 3,50 m

• Dislocamento 6.900 kg

• Serbatoio carburante 900 litri

• Serbatoio acqua 180 litri

• Portata massima 1.250 kg

• Motore 2xMerCruiser 4.2L • potenza 370 cv (272 kW) • tipo di motore V8 • alesaggio per corsa 83×85 mm • cilindrata 4,2 litri • regime di rotazione massimo 4.200 giri/minuto • peso solo motore 379 kg • peso con trasmissione 423 kg

• Certificazione CE Cat. B per 12 persone

• Prezzo base 319.000 € Iva esclusa

MISURE
Altezza in dinette 197 cm • cuccetta 200×150 cm • altezza sopra il letto 73 cm • larghezza accesso sottocoperta 56 cm • larghezza passavanti 45 cm • divanetto lineare 160 cm • tavolino pozzetto 140×70 cm • prendisole di poppa 240×75 cm • divanetto a L in pozzetto 235×160 cm • prendisole di prua 260×240 cm • altezza cabina di poppa 205 cm (in entrata) • cuccetta 190×190 cm (versione con letti uniti) • altezza sopra il letto 80 cm • altezza bagno 191 cm

 

Even the flagship designed by Christian Grande lives up to expectations: performant and safe hull, comfortable yet refined superstructure and interiors. All without giving up the style

THE WAVES ARE OF THE SORT THAT YOU CAN’T REALLY AVOID. They are nearly a metre high and have been created by the Southwest wind of the previous days. And there is traffic to complicate things. In the Gulf of Cannes, especially when there are events or trade shows, there really are a lot of boats of all sizes that are sailing or manoeuvring. This means that the Southwest wind adds to bow waves from mega and giga yachts. We are on board the flagship of the yard. It measures nearly eleven and a half metres overall. Just the length to suffer waves nearly a metre high coming side on. They are ideal conditions to test the new 370 GT because when the sea is as flat as a pancake, even beach “paddleboats” move well.

We move away from the coast and from the entrance to Cannes harbour, and open up the throttle. It is electronic, and there is very little delay. Just as planned. The two MerCruiser engines, developing an outlet mechanical power of 272 kW (370 hp) each, are considerable. The sterndrives give a lot of thrust, and the acceleration is better than just good, given that we only need seven seconds to start planing. We keep increasing the revs and the boat continues to perform exceptionally.

Up to an engine rotational speed of 3500/min we continue to take the waves badly, in the sense that we don’t worry about them. On the bow, the stern or the beam. We make headway regardless, the V-shaped bow and the angle of the stern do their work. The boat doesn’t suffer, and – most of all – not all of the impacts are hard blows. There is never any lack of water under the hull. You feel completely safe, and the feeling is one of not losing control. Which is not a small thing, given that we are travelling at around thirty knots and the waves, as we mentioned, are ones that would give problems to a lot of boats of this size. To unleash all the power of the engines, we have to go into the hollow of the wave. We go a little bit further away from the coast, to get a run up.

We open the throttle right up and get to at engine rotational speed of 4000/min and then 4100/min. The GPS shows first 40 and then 42.6 knots. That’s a lot. It is a decidedly sporty performance. Whoever is at the helm has a wide range, because the minimum speed for planing is around fifteen knots. And fuel consumption ranges from 65 l/h overall to 158. In a straight line, everything is really very good indeed. We were a little bit less impressed by the steering. It is incredibly manoeuvrable, and perhaps a bit too much.

That is not the fault of the boat, or even of MerCruiser. You just have to find the right balance. Personally I prefer a slightly less soft wheel, but one that gives me a feeling of confidence when turning. Invictus 370 GT is indeed a sports boat by any standards, one that can produce exhilarating performance. Better to work your biceps and have steering that quickly adjusts to changes in direction without excesses aimed at obtaining exaggerated comfort.

The interiors and deck are by Christian Grande. His style is easily recognisable and very much appreciated. The finishings and material used in the Invictus 370 GT are excellent. I personally liked the juxtaposition of wood, fabric and steel. The bimini top can be folded away, or it can be of a larger type that covers the whole cockpit using detachable carbon fibre poles. There is over two metres’ headroom going below, and above the bunks there is a bit of room because the “ceiling” is 80 centimetres away.

It is also very good to have the option of customising fittings, with two beds that can be joined together or separated. In the former case, it has the size of a super triple bunk, with a width of a full 190 cm. The leather cases which serve as cupboards are one of the details which hit the mark with added style. Finally, there is a version which has the sides of the cockpit that open like a balcony, to get a little bit extra space and comfort when anchored.

 

Project by Christian Grande

Hull: LOA 11,40 m • Maximum beam 3,50 m • Mass displacement 6,9 t • Fuel tank volume 900 l • Water tank volume 180 l • Maximum carrying weight 1’250 kg

Main propulsion: 2 MerCruiser • Model 4.2 L • Outlet mechanical power 272 kW • Cylinders arrangement and number V8 • Bore and Stroke 83 mm and 85 mm • total swept volume 4,2 l • Maximal rotational speed range 4200/min • Dry weight 379 kg (only the engine) • Engine + transmission 423 kg

Certification: EC Category B 12 people

Price: Exclusive VAT 319’000 €

(Aprile 2017)

MEASUREMENTS

Dinette headroom 197 cm • berth 200×150 cm • Berth to ceiling 73 cm • underdeck access 56 cm • walkway at side 45 cm • linear sofa 160 cm • cockpit table 140×70 cm • sunbathing area at stern 240×75 cm • L-shaped sofa in the cockpit 235×160 cm • sunbathing area at bow 260×240 cm • stern cabin headroom 205 cm (at the entrance) • berth 190×190 cm (with double bed) • berth to ceiling 80 cm • bathroom headroom 191 cm

 

  • 2Y2A5558_MOD
  • 0X2A2873_MOD
  • 2Y2A5775
  • INVICTUS 370