Excess 12 and 15, l’importante è esagerare Excess 12 and 15, l’importante è esagerare
Debuttano i primi due catamarani di Excess, nuovo brand del gruppo Bénéteau. La filosofia è quella di coniugare comfort e spazi a bordo, come... Excess 12 and 15, l’importante è esagerare

Debuttano i primi due catamarani di Excess, nuovo brand del gruppo Bénéteau. La filosofia è quella di coniugare comfort e spazi a bordo, come ci si aspetta da un multiscafo, senza rinunciare però al piacere di navigare

di Niccolò Volpati

I CATAMARANI NON SONO TUTTI UGUALI.E nemmeno gli armatori di catamarani. Buona parte del loro successo è dovuto al comfort, agli spazi e alle buone performance in velocità sottovela. E la conduzione spesso è affidata a un comandante o comunque a un membro dell’equipaggio. Ma ci sono anche armatori che amano avere la ruota in mano. Che navigano per il gusto di navigare. Che preferiscono una barca sensibile e non “sorda”.

EXCESS

EXCESS 15

 

Per questo, il gruppo Bénéteau ha pensato a un nuovo brand di multiscafi. Quando mi spiegano le grandi strategie commerciali e di marketing mi sento un po’ a disagio. Mi rendo conto di capirci poco ed è successo anche con Lorenza Turrisi, brand manager Excess. Quando alcuni mesi fa la incontrai a La Rochelle, mi venne spontaneo chiederle: perché se avete già Lagoon, decidete di lanciare anche Excess?

Lei me lo ha spiegato, ma l’ho capito soprattutto osservando i layout e le caratteristiche dei primi due modelli del cantiere. Per entrambi c’è la doppia timoneria, ma non si trova sul fly, è sui due scafi. Solitamente i catamarani da 40 o 50 piedi, hanno due tipologie di configurazione per la conduzione. Esistono molti modelli con il fly che collocano le ruote del timone e manovre tutte in alto. Excess 12 e 15, invece, non presentano una separazione così rigida.

EXCESS

Lo spazio per il living e il comfort è comunque garantito perché il pozzetto non è attraversato né da scotte, né da drizze o trasto di randa. Ma, tutto intorno al suo perimetro si trovano winch, timoni e manovre. Facile, alla portata, ma non distanti. Significa che chi si occupa della conduzione del catamarano, non è un corpo estraneo e separato dai passeggeri. Si può convivere e forse anche condividere l’esperienza. Drizze e scotte sono rinviate in pozzetto e il trasto della randa si trova a poppavia del divanetto lineare.

E le due postazioni per il timoniere, sono anch’esse esterne al pozzetto, ma allo stesso livello e quindi vicine a chi si trova seduto sui divanetti o intorno al tavolo. Che si tratti di due modelli fatti per navigare veloce lo si capisce anche dal piano velico, sia per le dimensioni della randa e delle vele di prua, sia per le opzioni offerte.

Oltre al fiocco auto virante, infatti, è possibile armare un Code 0 che consente di guadagnare molti metri di tela. Insomma, Excess nel mondo dei multiscafi è un po’ come i crociera/regata in quello dei monoscafi. Sono barche fatte per andare veloci, per garantire performance elevate sia a vela, sia a motore, ma senza rinunciare al comfort e agli spazi.

Anche questo lo si deduce dalle dimensioni. In primis del baglio, perché, a fronte di più di 14 metri e mezzo di lunghezza, ce ne sono ben otto di larghezza per l’Excess 15. E non è da meno l’Excess 12,dato che la lunghezza fuori tutto è 11,7 metri e il baglio massimo 6,7.

I layout degli interni sono tanti. Per Excess 12si passa da una versione più armatoriale con tre cabine a una più da charter con 4. La prima dedica un intero scafo all’armatore, mentre quella per il charter ha due cabine a prua e due a poppa. Per Excess 15, le opzioni sono ancor di più dato che si passa dalla versione a tre cabine, a quella a quattro e si arriva perfino a sei con addirittura sei bagni.

Non è un’impresa da poco, soprattutto se teniamo conto che lo scafo misura qualcosa in più di 14 metri. Con Lagooncon divide però i collaboratori. Si vede che il loro lavoro ha soddisfatto il gruppo Bénéteau e ha deciso di affidare a VPLP l’architettura navale, a Patrik Le Quément la coperta e a Nauta gli interni.

Il momento del debutto è arrivato. Il cantiere non ha bruciato le tappe perché questo progetto è nato qualche anno fa. Si sono presi il tempo di studiare il mercato e capire quale potesse essere il prodotto che ancora mancava.E da questo autunno sarà possibile scoprire se effettivamente siamo di fronte a una gamma di catamarani diversa da tutti gli altri.

Excess 15
Lunghezza fuori tutto 14,76m • lunghezza al galleggiamento (LWL) 14,31 m • baglio massimo 8,03 m •pescaggio 1,40 m •dislocamento a secco 18.400 kg •s erbatoi carburante 1040 l • serbatoi acqua 480 l – randa 104,5 m2•fiocco auto virante 55 m2•Code 0 117 m2•motore 2×57 cv •omologazione CE cat. A 14 persone, B  14, C 16 e D  30

Excess 12
Lunghezza fuori tutto 11,73 m •lunghezza al galleggiamento (LWL) 11,46 m •baglio massimo 6,7 3m •pescaggio 1,35 m •dislocamento a secco 10.300 kg •serbatoi carburante 400 l•serbatoi acqua 300 l•randa 50 m2•fiocco auto virante 32 m2•Code 0 67 m2•motore 2×29 cv •omologazione CE cat. A per 10 persone, B per 12, C per 16 e D per 20

 

  • 719-excess15-view05.eps
  • 718-excess15-int-view02-cmjn.eps
  • 2369-excess12-view02.eps
  • 917-excess15-int-view01-cmjn.eps
  • 5636-excess12-view06.eps
  • excess 15-view09