La barca ideale? Vittorio Garroni racconta il suo concept Easy Walk 45’ La barca ideale? Vittorio Garroni racconta il suo concept Easy Walk 45’
Nel sogno di vivere libero solcando i mari e cercando di scoprire l’ignoto, mi sono ritrovato spesso, come designer e progettista di barche a... La barca ideale? Vittorio Garroni racconta il suo concept Easy Walk 45’

Nel sogno di vivere libero solcando i mari e cercando di scoprire l’ignoto, mi sono ritrovato spesso, come designer e progettista di barche a vela e a motore, a calarmi nella mente di chi ha questo stesso anelito

di Vittorio Garroni

È vero: il velista puro, sebbene nella scomodità dell’oggetto, non teme e non sente disagio, ma la persona normale ricerca una vita di bordo che possa soddisfare anche la parte edonistica presente in noi tutti. Ed ecco che ho ripensato una barca a vela che, pur nella sua modesta dimensione, possa ampliare le esigenze di comfort e di piacevolezza estetica.Easy Walk Garroni

Mi ritrovo però a dover fare i conti con tutti i vincoli che la produzione industriale mi impone e che spesso mi costringe a rinunciare a delle idee che potrebbero semplificare la vita a bordo.

Ho pensato allora ad una barca “ideale”, libero da condizionamenti, lasciando correre la creatività e cercando di soddisfare tutte quelle esigenze di ergonomia, spazio e design che vorrei avere.

La prima domanda che mi sono fatto è stata: Perchè per andare a prua devo sempre scavalcare le sedute del pozzetto mettendo i piedi sulle cuscinerie? Non sarebbe tanto più comodo poter accedere ai passavanti liberamente senza fare acrobazie? Ed ecco che, Easy Walk 45 ha iniziato a prendere forma e, cambiando il layout del ponte, sono riuscito a creare una circolazione di coperta assolutamente confortevole, innovativa e sicura in ogni situazione.

Ma dove vivo principalmente la mia barca? Sul ponte con gli amici e con il mio fedele labrador Sirio per goderci il piacere del mare! Quindi? 

Easy Walk Garroni Ecco la necessità di creare un enorme pozzetto in cui poter stare tutti comodamente seduti o sdraiati, senza essere stipati come su un bus, sviluppando ulteriormente il concetto già da noi introdotto sulla gamma di Jeanneau DS, suddividendo gli spazi in tre aree: relax verso prua, dining al centro, lounge & sea a poppa.

Io però le vacanze le faccio a bordo, con tutte queste novità avrò volume sufficiente per poter accogliere tutto il mio equipaggio? Con un sapiente gioco di incastri ho ricavato ben tre cabine doppie, tre bagni (due con doccia separata) ed un ampio soggiorno con cucina e bar.

E tutto ciò su un 45’. Chissà se questo concept, dopo due anni di riposo nel cassetto dei sogni, sarà realizzato per soddisfare le esigenze di tutti coloro che vorranno vivere la vela in modo confortevole ed innovativo.


When dreaming of living in freedom, ploughing the waves and setting out to discover the unknown, I have often found myself – as a designer of sailing and motor boats – putting myself into the feet of those who share this same enthusiasm

It is true: the pure sailor does not fear or feel discomfort, despite the inconvenience of the object, while the normal person seeks a life on board that is also able to satisfy the hedonistic part present in all of us. This is why I have often thought about a sailing boat able to offer added comfort and aesthetic enjoyment, despite its modest size.

However, I find myself having to reckon with all the restrictions imposed on me by industrial production, which often force me to give up ideas that could simplify life aboard.

I therefore thought of an “ideal” boat, free from conditions, where creativity could be given free rein in an attempt to meet all my ergonomic, spatial and design requirements.Easy Walk Garroni

The first thing I asked myself was: Why do I always have to climb over the seats in the cockpit, treading on the upholstery, when moving forward? Wouldn’t it be more convenient to be able to access the side decks freely, without having to perform acrobatics? And so Easy Walk 45 began to take shape. By changing the layout of the deck, I managed to create a very convenient and innovative circulation arrangement, which is safe in all situations.

Where do I spend most time on my boat? On the deck with my friends and my loyal labrador Sirio, where we can enjoy the sea! So? This is the reason behind the need to create a huge cockpit where everyone can be comfortably seated or lying down, without being crammed together like on a bus, expanding the concept we introduced in the Jeanneau DS range by dividing the spaces into three areas: relaxation forward, dining in the middle, lounge and sea to the stern.Easy Walk Garroni

I spend my holidays on board. Will I still have enough room for my crew with all these new features? Thanks to cleverly interlocking spaces, I have fitted in three double cabins, three bathrooms (two with separate shower) and a large living area with galley and bar.

All in a 45’ boat. After being hidden away for two years in my box of dreams, who knows whether this concept will actually be developed, catering to the needs of those who want to experience sailing in a comfortable and innovative fashion.

Settembre 2017

 

  • Easy Walk Garroni Design
  • Easy Walk Garroni Design
  • Easy Walk Garroni Design
  • Easy Walk Garroni Design
  • Easy Walk Garroni Design

Iscriviti alla newsletter!

X