Dee Caffari, le riflessioni di una “solitaria” per reagire all’isolamento Dee Caffari, le riflessioni di una “solitaria” per reagire all’isolamento
Dee Caffari ha fatto il giro del mondo in barca a vela sei volte. È la prima donna ad averlo fatto in solitario e... Dee Caffari, le riflessioni di una “solitaria” per reagire all’isolamento

Dee Caffari ha fatto il giro del mondo in barca a vela sei volte. È la prima donna ad averlo fatto in solitario e senza scalo, impresa che ha compiuto  per tre volte. Una che di isolamento se ne intende… ecco i suoi consigli e la sua filosofia per vivere meglio questi giorni. 

Continua a comunicare: questo è rassicurante per chiunque. Resta in contatto e chiedi conforto se ne hai bisogno. Una chat di cinque minuti una volta al giorno potrebbe davvero sollevare lo spirito tuo, e di qualcuno che conosci. Dee Caffari

Per la maggior parte di noi, andare al lavoro, a scuola o in palestra fa parte della routine quotidiana e ora dobbiamo riempire quel tempo. Avere e attenersi a una routine di qualche altro tipo – bisogna sforzarsi di portarle avanti, anche le più semplici –  questo fornisce uno scopo, e un motivo per iniziare la giornata. Avere qualcosa da fare farà anche passare il tempo più rapidamente.

Fai funzionare la tecnologia per te. Ci sono così tanti modi “tecnologici” in cui possiamo comunicare in questi giorni, questo è il momento di usarli. Skype, WhatsApp, e-mail, telefonate, piattaforme di social media sono tutti ottimi modi per rimanere in contatto. Concentrati solo su ciò che puoi controllare e non sprecare energia preoccupandoti di cose al di fuori del tuo controllo.

Siamo bombardati da informazioni attraverso i media e dobbiamo prendere in considerazione le notizie che vengono distribuite. Tuttavia, se scopri che ascoltarle o leggerle sta aumentando l’ansia o i livelli di stress, limitane l’esposizione.

Sicuramente il pensiero andrà verso l’idea che molti di noi saranno colpiti finanziariamente dalla perdita di posti di lavoro o dalla mancanza di lavoro. Non sei solo, milioni di noi saranno nella stessa posizione. Pianifica un piano gestibile, parlane con altre persone se ti senti sopraffatto.

Sii grato per le cose nella tua vita che hai o puoi fare. Concentrarsi sul “bene” e non sul “male” avrà un effetto positivo sull’umore. Quando stai attraversando una giornata difficile pensa al domani, a quello che avrai da fare a breve, non ad un futuro lontano e incerto. Il sole continuerà a sorgere e tramontare. Questa situazione passerà.

Cerca le opportunità e sii creativo. In un mondo di contatti istantanei, vite lavorative impegnative e tecnologia invadente, la situazione attuale consentirà a molti di noi di fare un passo indietro rispetto a questo per un periodo di tempo.  C’è un progetto che hai voluto intraprendere ma non hai mai avuto il tempo? C’è un “bestseller” nella tua testa che aspetta solo di essere scritto? La necessità è la madre dell’inventiva, quindi forse ora è il momento di intraprendere qualcosa di nuovo.

Accetta il fatto che dobbiamo adattarci al nuovo ambiente in cui viviamo. Come navigatrice oceanica e solitaria ho imparato a reagire a situazioni che cambiano molto rapidamente, ad adattarmi a forze che sono al di fuori del mio controllo. Nelle prossime settimane e mesi, le restrizioni sulla nostra vita e gli effetti di questo virus ci faranno sicuramente sentire arrabbiati, turbati, preoccupati e spaventati. Queste sono emozioni naturali, ma consumano l’energia mentale. Accettare una situazione ti consente di pensare in modo più chiaro e calmo.

Il futuro sarà diverso. Siamo fin troppo consapevoli nel mondo di oggi che l’unica cosa di cui possiamo essere certi è il cambiamento. La nostra capacità di adattamento a questo cambiamento è ciò che ci definirà. L’attuale pandemia sta rivelando che la maggior parte di noi teme l’ignoto e la nostra reazione è il panico. Stiamo vicini in questo momento di avversità e sosteniamoci a vicenda.

(Dee Caffari, le riflessioni di una “solitaria” per reagire all’isolamento – Barchemagazine.com – Marzo 2020)