Dalla Norvegia alla Danimarca, oltre l’avventura a bordo di 17 battelli Capelli Dalla Norvegia alla Danimarca, oltre l’avventura a bordo di 17 battelli Capelli
Dal Po al mare del Nord, la traversata dalla Norvegia alla Danimarca a bordo dei gommoni Capelli. L’appassionato racconto di Umberto Capelli di Carla Pagani,... Dalla Norvegia alla Danimarca, oltre l’avventura a bordo di 17 battelli Capelli

Dal Po al mare del Nord, la traversata dalla Norvegia alla Danimarca a bordo dei gommoni Capelli. L’appassionato racconto di Umberto Capelli

di Carla Pagani, foto Umberto Capelli

 Mamme, bambini, ragazzi, adulti e anche qualcuno più avanti con l’età. Ma c’è anche chi è arrivato da lontano, come tre donne americane. E poi c’è lui, Umberto Capelli, a capo dello storico cantiere che sorge a Cremona, sulle rive del Po. Sono loro i protagonisti dell’originale traversata di inizio estate in gommone dalla Norvegia alla Danimarca.

L’idea è del dealer di Capelli in Norvegia, Morten Eikeland, con la collaborazione del distributore Erling Sande. Eikeland ha base a Risør, tra le città in legno meglio conservate di tutta Europa. Tetti spioventi, case bianche, acque limpide. Sono partiti da qui i 17 gommoni motorizzati Suzuki per una due giorni all’insegna dell’avventura. Il cielo è di quelli che lasciano senza fiato. L’acqua anche: fredda, freddissima.

Umberto Capelli ci racconta questa magnifica esperienza con entusiasmo e allegria, consegnandoci impressioni vivide e calde fatte di condivisione e spirito sportivo. Intorno, boschi verdissimi, colori saturi e contrastati, paesaggi spettacolari. Fiordi e isolette, come fossero tanti sassolini gettati dall’alto nel mare blu intenso.

Una lunga estate di luce: la notte non cala mai e regala un’atmosfera magica e incantata che pochi luoghi al mondo possono restituire con una tale forza visiva. Uno scenario straordinario per un’esperienza di condivisione fatta anche di momenti ludici e conviviali. Si naviga in gruppo a 20-25 nodi di velocità. Fuori dall’acqua ci sono tra i 13 e i 20 gradi. Nel Nord Europa Capelli è azienda leader del settore. Ha iniziato 14 anni fa e da allora è stato un successo continuo. Complice il modo di vivere il mare dei paesi del Nord Europa.

Già perché qui non si temono le nuvole, men che meno la pioggia: “Si naviga sempre, indipendentemente dalle condizioni climatiche”. Anche perché la barca non ha a che fare solo con il tempo libero, serve per spostarsi, è il corrispettivo di una moto o un’automobile.

Non stupisce allora se la buona dose di adrenalina dovuta all’andata piuttosto difficile venga ben accolta dai partecipanti. Il primo giorno al mattino ci sono 30 nodi di vento e le onde di 4 metri. Quando si parte però il meteo migliora e il gruppo inizia la traversata con 2-3 metri di onda e 12 nodi di vento.«Il percorso è davvero suggestivo perché si è in mare aperto fin tanto che non si scorge la punta estrema della Danimarca. Si ha il senso della meta, del viaggio. Piano piano compare Skagen all’orizzonte. È una grande emozione», dice Capelli.

Sulla via del ritorno ci si ferma in mezzo al mare e ci si tuffa. La temperatura in acqua è di 12 gradi. Poco importa. Il gommone serve a divertirsi stando a diretto contatto con l’acqua.«È il corrispettivo della nostra moto da cross», dice Capelli che lavora con passione nell’azienda fondata nel 1974 a Spinadesco, in provincia di Cremona. La linea dei gommoni con chiglia in vetroresina Tempest ha fatto scuola. E oggi, più che mai, è a portata di mano per chi vuole avvicinarsi a questo mondo. Sul sito del cantiere c’è un modernissimo configuratore on line che consente di personalizzare in tutto e per tutto la propria imbarcazione. Quasi un videogioco per appassionati e non: un’interfaccia friendly, semplice e accattivante. «Ormai la customizzazione è lo standard. Vogliamo rendere l’esperienza del mare ancora più semplice». 

È il terzo anno che la traversata nei mari del Nord si ripete«Sei sempre in acqua, a contatto con la superficie del mare».Più adrenalina, più velocità, più divertimento. «Il fatto che il baricentro sia molto in basso consente a chi naviga di sentire di più il mare, il vento, le onde. E poi è un modo fantastico per comunicare, per stare a contatto con i propri clienti, una modalità nuova e originale per ritrovarsi»

.Che l’interesse stia crescendo ce lo dicono i numeri: per il prossimo anno sono già previsti dieci imbarcazioni in più. Capelli dice che vuole esportare il format anche altrove. Per chi partecipa alla traversata è un modo davvero immersivo di vivere il mare. Una di quelle esperienze che lasciano il segno. E poi c’è chi dal Nord viene in Italia a trascorrere le vacanze o a visitare il cantiere.

«Cremona risulta spesso un luogo esotico: gli Stradivari, il Po, la pianura», chiosa Capelli sorridendo. Scambi, contaminazioni. Il mare è anche questo. Vi pare poco?

(Dalla Norvegia alla Danimarca, oltre l’avventura a bordo di 17 Battelli Capelli – Novembre 2018)

  • Capelli Risør jpg
  • Capelli Skagen
  • Capelli_4819
  • Capelli