Il nuovo CRN 70m? Si chiama “She” e fa girare la testa Il nuovo CRN 70m? Si chiama “She” e fa girare la testa
 Una “lei” di 70 metri, dalle linee sinuose e seducenti, è il nuovo CRN 70m custom disegnato da Vallicelli Design.   “La dolcezza e la... Il nuovo CRN 70m? Si chiama “She” e fa girare la testa

 Una “lei” di 70 metri, dalle linee sinuose e seducenti, è il nuovo CRN 70m custom disegnato da Vallicelli Design. 

 “La dolcezza e la morbidezza delle forme femminili, racchiuse nel nome stesso dello yacht, hanno fortemente ispirato questo progetto, traducendosi in linee fluide e raffinate”, ha dichiarato Andrea Vallicelli che guida, insieme  ad Alessandro Nazareth,  lo studio Vallicelli Design e che ha sviluppato il nuovo concept in collaborazione con l’ufficio tecnico di CRN.  Con i suoi cinque ponti, numerose aree outdoor e massima vivibilità degli interiors, She è pensata per un armatore che ama trascorrere lunghi periodi a bordo insieme ai suoi ospiti, godendo appieno dell’esperienza della crociera.

“She è un nuovo progetto dalle grandi potenzialità, caratterizzato da ricercatezza delle linee, duttilità e ampi volumi degli spazi interni ed esterni, disegnati dallo studio Vallicelli Design con cui abbiamo iniziato un proficuo percorso. Stiamo lavorando tanto, su differenti progetti, proprio a partire dal nuovo 70m di cui abbiamo recentemente annunciato la firma del contratto”, ha dichiarato Stefano De Vivo, CRN Chief Commercial Officer.

Nel nome, così come nel design concept, She evoca suggestioni femminili e una delicata e seducente armonia complessiva, che si apprezza nelle ampie volumetrie dei ponti e nella generosa spazialità degli interiors. Il profilo slanciato e l’utilizzo di tratti lineari, come la lunga incisione che da prua attraversa orizzontalmente lo scafo fino ad abbracciare lo specchio di poppa, conferiscono all’insieme architettonico una leggerezza dinamica.

La cifra stilistica del progetto emerge chiaramente nel riuscito mélange tra la forte espressività delle geometrie e la fluidità degli elementi decorativi. Questo personale canone estetico risulta particolarmente evidente nella morbidezza delle linee delle falchette laterali che creano due ali, posizionate nell’area prodiera dell’upper e dell’owner deck, e nella ricercatezza dei tettucci anteriori e dei parapetti in vetro.

(Il nuovo CRN 70m? Si chiama “She” e fa girare la testa – Barchemagazine.com – Gennaio 2019)