Cantiere delle Marche Nauta Air 90 Noga Cantiere delle Marche Nauta Air 90 Noga
Il Nauta Air 90 Noga costruito dal Cantiere delle Marche, secondo esemplare della linea firmata da Nauta Yachts, è una navetta compatta ed elegante... Cantiere delle Marche Nauta Air 90 Noga

Preziosa semplicità

Il Nauta Air 90 Noga costruito dal Cantiere delle Marche, secondo esemplare della linea firmata da Nauta Yachts, è una navetta compatta ed elegante con caratteristiche stilistiche e tecniche meritevoli di attenzione

IL CANTIERE DELLE MARCHE SI È AFFERMATO PER LE CARATTERISTICHE STILISTICHE E TECNICHE DEGLI YACHT DI SUA PRODUZIONE. Entrambe le linee attualmente in produzione, Darwin Class e Nauta Air, si distinguono nel panorama degli yacht di dimensione media. Mentre i primi sono costruiti in acciaio con sovrastruttura in alluminio, i Nauta Air sono realizzati interamente in alluminio. Ho avuto sotto mano alcuni dati recenti che fotografano la situazione del cantiere che, fondato appena cinque anni fa, detiene il 60% del mercato mondiale degli explorer in metallo tra gli 80 e i 110 metri. Buona parte del successo di quello che è nato come un piccolo cantiere costruttore di yacht di nicchia è da attribuire all’affidabilità e alla competenza del team manageriale che, individuato il segmento di mercato cui rivolgersi, ha saputo costruire yacht all’altezza delle aspettative degli armatori più esigenti ed è stato capace di accrescere il consenso attorno ai propri prodotti grazie a strategie commerciali di ampio respiro. Noga è il secondo esemplare del brand che porta l’autorevole firma di Mario Pedol/Nauta Yachts. Il primo, l’86 piedi YOLO aveva introdotto questa nuova linea di navette compatte e dalle linee essenziali. Niente curve o forme complesse, spigoli, diagonali, questo progetto è definito da segni precisi ma lievi e si presenta in tutta la sua preziosa semplicità, come ci hanno abituati Mario Pedol e Massimo Gino di Nauta Yachts. La pulizia stilistica del Nauta Air è la stessa che si riscontra in tutti i loro progetti, dal piccolo Maori 37’ al gigante Azzam, il 180 metri varato dal cantiere tedesco Lürssen nel 2013, il più grande yacht del mondo. Lo scafo di Noga ha il bordo libero alto che si abbassa con una curva leggera a mezza nave per consentire alle grandi vetrate del salone di offrire un panorama ampio e tanta luce. «Nel disegnare i CdM Nauta Air, era di prioritaria importanza riuscire a portare il mondo esterno dentro, attraverso grandi superfici vetrate e creare delle architetture dove gli spazi interni dialogassero armonicamente con quelli esterni», – spiega Mario Pedol. «Di fatto, si tratta di una nuova concezione nel modo di viverli: come qualcosa di continuo, soprattutto sul ponte principale e superiore». La sovrastruttura è quasi centrale rispetto alla dimensione longitudinale mentre il flying bridge si allunga verso poppa aggiungendo leggerezza al profilo. Grazie allo slancio poppiero il flying bridge ha una superficie di oltre 70 metri quadrati, e consente di allestire un vero e proprio grande salone all’aria aperta dove soggiornare, prendere il sole, pranzare o cenare sotto le stelle. Il fly è senza dubbio uno dei punti di forza di questo modello. La parte centrale è ombreggiata dall’ampio hard top che si raccorda alla sovrastruttura tramite due montanti obliqui, ma all’occorrenza l’ombra può essere estesa sia a poppa che a prua tramite semplici tendalini sostenuti da sottili paletti. Dal fly al salone, Noga appare molto più grande delle sue effettive dimensioni. I designer sono riusciti a suddividere gli spazi disponibili in modo da ottimizzarne l’uso e dare ad ogni ambiente massima ampiezza e vivibilità. Interni e esterni presentano una grande coerenza stilistica. «Abbiamo avuto il piacere di lavorare con un cliente dotato di grande cultura architettonica – è un architetto – con il quale c’è stata da subito una sintonia nella scelta di un design degli interni contemporaneo, vestito da una varietà di colori, texture e essenze che dessero una grande sensazione di accoglienza e di calore», ci dice Pedol. «Lo stile degli interni riflette molte scelte dell’armatore, in particolare ci piace molto il noce Daniela, nome scientifico Guibourtia ehie, usato per i mobili e la pannellatura beige dal livello dei piani d’appoggio in su», continua il designer. «Molta attenzione è stata dedicata anche all’illuminazione per enfatizzare il calore dell’ambiente in generale. Il pozzetto ha un accesso diretto e invitante a una grandissima spiaggia di poppa». Dal salone, salendo alcuni gradini, si arriva in timoneria. La visibilità è buona e i vetri appena inclinati, unitamente all’aggetto del ponte superiore, proteggono la plancia dalla luce del sole e dal calore. In linea con la filosofia costruttiva di questi robusti e affidabili yacht fatti per navigare in sicurezza e non per stupire, la strumentazione è tradizionale e sia dalla postazione principale che da quella sul fly si comandano e tengono sotto controllo tutti gli equipaggiamenti tecnici di bordo. Una terza postazione di manovra è nel pozzetto mentre un pannello di controllo è posizionato in prossimità della cabina del comandante, sul ponte inferiore. Dalla timoneria si scende al ponte inferiore dove ci sono quattro ampie cabine ospiti. Le due doppie sono dotate di un terzo letto pullman, la Vip è a prua e la cabina dell’armatore, a tutto baglio, sta a mezza nave. Il tema decorativo che abbiamo apprezzato sul ponte principale, è riproposto anche nella zona notte, con una profusione di noce Daniela, un legno con venature evidenti anche conosciuto come Ovengkol, e tessuti chiari che danno un tocco di freschezza all’insieme. L’armatore ha seguito il progetto passo dopo passo e ha disegnato personalmente alcuni elementi decorativi, maniglie e altri particolari. Il comfort a bordo è assicurato dall’ampiezza e della luminosità degli ambienti ma anche dal fatto che rumori e vibrazioni provenienti dalla sala macchine sono tenuti a bada grazie all’impiego di spessi strati di lana di roccia cui sono accoppiati degli strati di Mapflex, un materiale dalle caratteristiche viscoelastiche che riduce significativamente l’energia acustica irradiata dalla lamiera. Sia in coperta che sul ponte inferiore, a velocità di crociera, i livelli di rumorosità rilevati non superano i 60dB. Il Noga è una navetta dislocante progettata per crociere lunghe e tranquille e le prestazioni mirano più al comfort in navigazione che alla velocità. Come ci ha confermato il comandante, Luca Mastrogiovanni, Noga risponde alle aspettative, i consumi sono bassi e l’autonomia molto elevata. A 9 nodi il Nauta Air esprime la sua natura di giramondo con un’autonomia di ben 4.000 miglia nautiche, ma anche ad andature più vivaci i consumi si mantengono assai modesti. A 13,4 nodi i due Caterpillar da 885cv ciascuno girano a 1800 giri al minuto e bruciano 160 litri l’ora. La velocità massima si attesta sui 16,5 nodi.

 

Precious simplicity

The Nauta Air 90 Noga Built by Cantiere delle Marche, the second unit of the range designed by Nauta Yachts, is a solid and refined navetta with stylistic and technical characteristics worthy of attention

CANTIERE DELLE MARCHE YARD HAS EARNED ITS SUCCESS THANKS TO THE STYLE AND TECHNIQUE THAT CHARACTERISES ITS YACHTS. Both lines of yachts it currently produces, Darwin Class and Nauta Air, stand out in the medium-size range. Yachts in the Darwin class line are constructed in steel with an aluminium superstructure, while Nauta Air yachts are made entirely in aluminium. Recently, I have had the chance to look at the numbers that show the company’s situation. Founded just five years ago, the yard has 60% of the world’s market share of metal explorers between 80 and 110 m. A great part of the success of what started as a small niche shipyard is due to the competence and friendliness of the management team that, once found its target market, was able to make yachts that meet the needs of the most demanding boat owners and increase its products’ success thanks to wide-ranging marketing strategies. Noga is the second model of the brand designed by Mario Pedol/Nauta Yachts. The first, the 86-foot YOLO, inaugurated this new range of compact crafts boasting essential lines. No curves, complex shapes, corners or diagonals, this project is defined by light, precise features that show off their precious simplicity, in classic Mario Pedol and Massimo Gino of Nauta Yachts style. Nauta Air’s clean design recurs in all projects, from the small Maori 37’, to the great Azzam, the 180 m launched by Lürssen in 2013, the largest yacht in the world. Noga’s hull has high sides at the front that decrease with a slight curve halfway down its length to allow the natural light to flood the interior through the large saloon windows and offer full views of the outdoors. Mario Pedol explains that «CdM’s Nauta Air yachts have been designed with the objective of creating an harmonious connection between the indoor and the outdoor spaces, thanks to the large glass surfaces included in the design». «It is a new way of enjoying space: the indoors extend to the outdoors, especially on the main and top deck». The superstructure is almost centred on the longitudinal extension, while the fly bridge stretches aft adding to the yacht’s sleek profile. The generous flybridge is over 70 sqm, a perfect outdoor multi-functional space to entertain, enjoy the sun, have lunch or dine al fresco under the stars. It is certainly one of the strongest points of this model. The central part of the flybridge is shaded by the large hard top fixed to the main structure with two oblique supports, but shade can be obtained fore and aft thanks to simple bimini covers supported by thin poles. Throughout, from the fly to the saloon, Noga appears to be a lot larger than it actually is. Its designers have managed to divide the space in a functional way, so that every area makes the most of the available space and offers maximum comfort. The internal and external spaces enjoy continuity of style. «We have had the pleasure to work with a client, who is an architect, with whom we immediately agreed on a contemporary interior design, with a variety of colours, textures and details that provided a warm and welcoming atmosphere», says Pedol. «The owner’s influence is reflected in the interior, we particularly like the Daniela walnut chosen for the furniture and the beige wall panels», continues the designer. «The contrast of the Daniela walnut furniture with the lighter tones of the carpets and wall panels creates the right balance of dark and light colours. Great care has also gone into the choice of the lighting, to emphasise the warmth of the living spaces throughout the yacht. The layout includes a saloon with a large floor-to-ceiling window that opens onto the cockpit to create a connection between indoor and outdoor space. The cockpit opens directly onto a generous aft sun deck area». From the saloon, a few steps lead up to the helm station. Visibility is good, and the slightly tilted glass, together with the top deck’s overhang, protects the bridge from the sunlight and the heat. In line with the philosophy behind these strong and reliable yachts, designed not to impress but to cruise safely, it boasts traditional navigation instruments and the two Caterpillar C18 Acert engines and technical equipment can be controlled from both the main helm station and the fly. A third helm station is in the cockpit and a control panel is located near the Captain’s cabin on the lower deck. On the lower deck there are four spacious guest cabins. The two double cabins include a third bed; the VIP cabin is forward and the owner’s full beam cabin is in the middle. The décor on the main bridge is maintained in the cabins, where Daniela walnut – a wood with definite grains also known as Ovengkol – has been used profusely in combination with light coloured soft furnishings that add a pleasant fresh look. The owner followed every step of the project and personally designed some of the decorative elements, door handles and other details. Comfort on board is guaranteed by the ample and bright spaces but also by the fact that noise and vibrations from the engine room have been extremely reduced thanks to the use of thick layers of rockwool in combination with layers of Mapflex, a visco-elastic acoustic insulator that significantly reduces noise and muffles vibration. Above deck and on the lower bridge, at cruising speed, noise does not exceed 60 dB. As for stability, apart from the shape of the hull, the quick and quiet CMC electric stabilisers do their job very well. Noga is designed for long, tranquil cruising and its performance is more focussed on comfort than speed. As Captain Luca Mastrogiovanni confirmed: Noga meets expectations, offering low fuel consumption and an exceptional cruising range. At 9 knots Nauta Air expresses at best its globetrotter nature with an autonomy of 4000 nautical miles; but even at a more daring pace, fuel consumption remains low. At a speed of 13.4 knots, the two Caterpillar engines of 885 hp run at 1800 rpm and burn 160 l/h. Maximum speed is approximately 16.5 knots.

 

SCHEDA TECNICA//PERFORMANCES AND DETAILS

 

CANTIERE DELLE MARCHE SRL

Via Enrico Mattei 36, 60125 Ancona –

tel. +39 071 206705 –

[email protected]

www.cantieredellemarche.it

 

PROGETTO Nauta Yachts (Design esterno) • Nauta Yachts (Interior design & decor) • Cantiere delle Marche (architettura navale)

SCAFO Lunghezza 27,65m • lunghezza al gall. 24,40m • larghezza 6,50m • immersione 1,65m • materiale di costruzione alluminio • dislocamento a pieno carico 115 t • posti letto 10 • equipaggio 4 • riserva combustibile 25.000 lt • riserva acqua 2.100 lt • velocità massima 16,5 nodi • velocità di crociera 13,5 nodi • Autonomia a 9 nodi 4.000 nm

MOTORI Due Caterpillar C18 Acert 885cv

GENERATORI 2 x Kohler 33kW

STABILIZZATORI CMC Stabilis Electra SE60.120

BOWTHRUSTER CMC BTM30 26kW

TENDER BSC 44

CERTIFICAZIONI RINA pleasure CXHULLlMACH Y

 

PROJECT: Nauta Yachts (External design) • Nauta Yachts (Interior design & decor) • Cantiere delle Marche (naval architecture)

HULL: Length 27.65m • Waterline length 24.40m • Beam 6.5m • Draft 1.65m • Building material: alluminium • Full load displacement 115 t • Berths 10 • Crew 4 • Fuel tank capacity 25,000 l • Water tank capacity 2,100 l • Top speed 16.5 knots • Cruising speed 13.5 knots • Range @ 9 knots 4,000 nm

ENGINES: 2 X Caterpillar C18 Acert 885 hp

GENERATORS: 2 X Kohler 33 kW

STABILISERS: CMC Stabilis Electra SE60.120

BOWTHRUSTER: CMC BTM30 26 kW

TENDER: BSC 44

CERTIFICATION: RINA pleasure CXHULLlMACH Y

(Febbraio 2016)

  • MY Noga (33)
  • MY Noga_after refit (10)
  • MY Noga_after refit (13)