Atlantis 54 Atlantis 54

Atlantis 54

BARCHE 1 maggio 2009

Scafo sicuro e comodo associato a una propulsione performante sono i fattori principali dell’ammiraglia di Atlantis. Le linee esterne sono filanti ma non aggressive... Atlantis 54

[nggallery id=49]

Dolcezza “reattiva”

Scafo sicuro e comodo associato a una propulsione performante sono i fattori principali dell’ammiraglia di Atlantis. Le linee esterne sono filanti ma non aggressive e gli spazi sono studiati per essere vissuti sempre a contatto con l’ambiente circostante. Nulla è stato lasciato al caso     di Federico De Valle

Divertirsi mentre si lavora è sempre un piacere, ed è quello che è successo durante questo test, mentre conducevo uno yacht che unisce tanta classe estetica ad alcune performance eccezionali. Un dato su tutti, esemplificativo, è questo: da fermo si arriva alla velocità massima in soli 25 secondi. Il fattore più interessante, comunque, non è la spinta, seppur notevole, ma la dolcezza con cui lo scafo risponde inclinandosi ai comandi di virate e ai cambi di direzione anche repentini con estrema reattività. Solitamente dolcezza e reattività non convivono agevolmente, ma siamo di fronte all’eccezione che conferma la regola. La timoneria idraulica è morbida e ben pesata e si raggiunge un ottimo compromesso fra forza impiegata e risposta dei timoni. Gli 8 sono stati chiusi con estrema precisione con minimi cali di velocità. Entrando in virata a 20 nodi, il raggio di curvatura per chiudere il 360 è di 20 metri con un calo di velocità di tre nodi, mentre a 30 nodi il raggio aumenta di soli cinque metri. Un particolare utile e piacevole non solo dal punto estetico è dato dall’hardtop trasparente che consente, durante le strette virate, di poter avere ampia visibilità dell’area verso cui si ruota nonostante l’inclinazione. Le finestrature del lato interno di virata, infatti, si trovano troppo in basso per via dell’inclinazione e la vista della zona interna alla scia è occlusa dalla sovrastruttura, per cui la visibilità dell’area in parola è negata fino a quando non si torna in posizione diritta, uno svantaggio non del tutto trascurabile inesistente, invece, sul 54. La luminosità è assicurata dalle finestre laterali che regalano una vista a 360 gradi: siamo di fronte a un open “coperto”, passatemi la forzatura. Si ha la sensazione, insomma, di essere su una barca aperta, ma al riparo dal vento e dal freddo, condizione graditissima durante la prova considerate le rigide temperature del giorno del test (lo scorso febbraio). Descrizione esterni e interni La fama dell’architetto Galeazzi trova nell’Atlantis 54 un’ulteriore conferma (non che ce ne sia bisogno) dell’eccellenza del design, inteso non solo in senso estetico ma soprattutto per quell’equilibrio con cui il layout degli interni e delle sistemazioni esterne si concilia con un fattore essenziale per uno yacht: la funzionalità. «Nulla per caso», come scriveva Richard Bach: tutto ha una sua finalità in grado di rendere uno yacht sia open sia con ponte coperto, riuscendo ad armonizzare i vantaggi dell’uno con quelli dell’altro. Le linee esterne sono filanti ma non aggressive e gli spazi sono studiati per essere vissuti sempre a contatto con l’ambiente circostante; ciò che merita menzione particolare è il layout dell’open space che costituisce il salone con il pozzetto. La chaise longue su cui poter comodamente riposare o guardare la tv posta sul lato opposto alla timoneria può diventare addirittura un prendisole aprendo tutto l’hardtop. Quindi versatilità e ambienti a contatto gli uni con gli altri danno un senso di giovialità e di freschezza, qualità caratterizzanti il 54. I piani di calpestio di pozzetto e salone sono rivestiti in teak, mentre gli interni sono in ciliegio anche nelle cabine. Queste sono poste nel copertino inferiore: l’armatoriale, a prora e a tutto baglio, con bagno provvisto di doccia, è luminosa e ariosa ed è separata dalle altre due dall’ampia cucina completa di frigorifero e generoso congelatore. Sul lato opposto un divano a L può essere sfruttato sia come seduta per desinare sia come letto aggiuntivo. A poppavia della cucina un bagno a doppio ingresso può essere condiviso dagli ospiti sebbene la cabina di sinistra, matrimoniale con altezza superiore a 1,85 metri per tutta la sua area, mantenga il suo ingresso privilegiato. Sul lato opposto, la cabina doppia ha un’altezza limitata per il 70% della sua lunghezza, ma l’ingresso concede comunque movimenti agevoli.

Atlantis Spa Sariano di Gropparello (PC), tel. 0523 854711,

[email protected],

[email protected]

www.atlantisyachts.it

Progetto Carlo Galeazzi (exterior styling & concept e interior design) Scafo Lunghezza f.t. m 16,68 • larghezza m 4,5 • cabine 3 • peso a imbarcazione scarica kg 19.500 • peso a pieno carico kg 23.000 • numero max persone imbarcabili 14 • rapporto lunghezza/larghezza 3,70 • rapporto peso/potenza15,05 kg/cv Ausiliari Generatore Mase I.S. 5 kW • serbatoi gasolio in acciaio inox aisi 316 • lt 1.900 (totale) • 1 cassa acqua dolce lt 500 • pompa di sentina automatica per compartimentazioni interne • aspirazione di emergenza acqua da sentina mediante aspirazione motore • piattaforma bagno up&down con dispositivo ricovero jet ski o tender Motori Due Volvo Penta D12 800 • 6 cilindri in linea con 4 valvole per cilindro • potenza cv 764 (570 kW) a 2.300 giri/m • cilindrata 12.100 cc • alesaggio x corsa mm 131 x 150 • rapporto di compressione 16,5 : 1 • peso motore a secco kg 1.400 • peso motore a secco con invertitore kg 1.570 • rapporto peso potenza (a secco) 1,8 kg/cv• propulsione linea asse con riduttore invertitore ZF 325A-EB •2 eliche a 4 pale diametro mm 7.502 e passo mm 1.130 Alcune dotazioni standard Elica di prua • hardtop in cristallo temperato • pavimento pozzetto e piattaforma bagno in teak • mobile cucina pozzetto con frigorifero, piastra grill, lavello con acqua calda e fredda • mobile bar pozzetto con televisore a scomparsa gps/chartplotter • pilota automatico • radio telefono vhf/dsc con altoparlante • pavimenti rivestiti in moquette • sound surround system con cinque satelliti e subwoofer • stoviglie e posate per 6 persone • elica di prua 10,5 cv Alcune dotazioni optional Pavimento in legno pregiato wengé • finestre laterali a scorrimento elettrico • chiusura pozzetto • passerella elettroidraulica a scomparsa, finitura acciaio/teak e candelieri automatici • video lcd con dvd per cabine • sistema televisione satellitare Kvh M3 • illuminazione sommersa sotto piattaforma di poppa • fabbrica ghiaccio • generatore Mase IS kW 12 • aria condizionata versione Europa o Tropicale • elica di poppa 10,5 cv • serbatoio acque nere e grigie con indicatore ed espulsione elettrica Certificazione CE Categoria B Prezzo ? 750.000

378.PDF