Andrea D’Amato Andrea D’Amato
Chi si ferma è perduto Andrea D’Amato, responsabile commerciale di Garmin Italia per il settore marino, riflette con noi sulla strategia della sua azienda... Andrea D’Amato

Chi si ferma è perduto Andrea D’Amato, responsabile commerciale di Garmin Italia per il settore marino, riflette con noi sulla strategia della sua azienda fatta di acquisizioni, nuovi modelli, ricerca e sviluppo

di Niccolò Volpati

Il gruppo è uno dei colossi mondiali dell’elettronica con prodotti per tutti i gusti e tutti i settori che possiamo immaginare, dall’automotive all’outdoor. Le dimensioni di Garmin le permettono di continuare a “sfornare” nuovi modelli, di investire in innovazione e sviluppo anche per quel che riguarda i prodotti destinati alla nautica da diporto. La serie 8000 è quella dei plotter multifunzione più recente. Dispone di tutte le funzioni più innovative come il pinch to zoom e monitor multi-touch. La novità è che ora è compatibile anche con le termocamere Flir. Le termocamere sono un accessorio molto diffuso su mega e giga yacht e Flir è certamente l’azienda leader mondiale. Logico, quindi, che Garmin abbia puntato alla compatibilità con questi prodotti. L’anomalia, se così si può definire, è che Flir è anche il gruppo che possiede Raymarine, uno dei principali competitor di Garmin. Che cosa ha convinto Flir ad accettare di essere compatibile anche con i plotter Garmin? Lo abbiamo chiesto ad Andrea D’amato, responsabile di Garmin Marine Italia. Il sistema delle termocamere Flir compatibile con Garmin non farà arrabbiare Raymarine? Non credo. Flir è leader mondiale ed è un gruppo di enormi dimensioni. Per questo le sue strategie commerciali non si lasciano facilmente influenzare. Garmin, insieme al gruppo Navico, è tra i produttori più importanti di strumenti elettronici per la nautica. Logico, quindi, che a Flir interessi che le sue termocamere siano compatibili con i nostri plotter. Questo accordo quali vantaggi comporta per Garmin? La serie 8000 è composta da plotter multifunzione con display di grandi dimensioni e a bordo delle barche che installano questo genere di prodotti è molto facile che ci sia una termocamera. Perché è così importante, soprattutto negli ultimi anni, la compatibilità e l’integrazione tra gli strumenti di bordo? Perché l’aftermarket rappresenta una fetta di mercato sempre più importante. Non è un segreto che si vendano meno barche rispetto a qualche anno fa e quindi un’azienda come Garmin ha l’obbligo di puntare, oltre che alla vendita diretta al cantiere, anche sull’aftermarket. Se un plotter non è compatibile con gli altri sistemi che sono installati a bordo è più difficile che un armatore decida di cambiarlo. Oltre a compatibilità e integrazione che cosa serve per stare “al passo con i tempi”? Innovazione, cioè ricerca e sviluppo. Chi produce strumenti elettronici deve essere in grado di realizzare sempre nuovi modelli. Per questo è importante che siano integrabile e compatibili. L’elettronica si sviluppa molto più rapidamente della cantieristica da diporto. Una barca di tre anni di vita è nuova, un plotter della stessa età è superato. Cosa serve per fare ricerca e sviluppo? Buoni ingegneri e grandi risorse finanziarie. Fortunatamente Garmin dispone di entrambi. Quali sono state le novità più importanti per il 2014? ClearVü, la nuova tecnologia per gli ecoscandagli. Di cosa si tratta esattamente? La tecnologia CHIRP, negli ultimi anni, ha rivoluzionato il settore ecoscandagli e fishfinder. Questi strumenti non si limitano a una riproduzione grafica del fondale, ma sono in grado di “fotografare” tutto quello che si trova sotto lo scafo. Tutto questo grazie all’alta frequenza che consente di ottenere immagini molto nitide e dettagliate di relitti, fondali e pesci. ClearVü sviluppa al massimo la tecnologia CHIRP. In che modo? I monitor Garmin disponevano già della tecnologia CHIRP con due funzioni: DownVü e SideVü. La prima consente di “vedere” quello che si trova sotto la carena, mentre Sidevü mostra ciò che c’è ai lati. ClearVü consente di integrare queste due funzioni per ottenere una maggior completezza d’informazione. Garmin ha deciso di introdurre la tecnologia ClearVü non solo per i plotter multifunzione più grandi, ma anche per i “piccoli” fishfinder stand alone. E per quanto riguarda tablet e smartphone? Recentemente abbiamo realizzato Garmin Helm. Si tratta di un’applicazione gratuita che consente di visualizzare e controllare i plotter della serie 8000 da uno smartphone o da un tablet. Chi possiede un iPhone o un iPad la può scaricare da App Store, mentre i device con sistema Android la ottengono da Google Play Store. Quali sono le funzioni di Garmin Helm? Non si limita a trasformare il display dello smartphone o del tablet in un monitor remoto. La app Garmin Helm ha un sistema di ottimizzazione della posizione. è utile sia quando ci si allontana dalla barca, sia a bordo delle imbarcazioni grandi, perchè consente di tenere sotto controllo tutti i dati di navigazione ovunque ci si trovi. Inoltre, quando ci sono tanti monitor, permette, mediante l’anteprima in miniatura delle schermate, di passare agevolmente da un plotter all’altro. Dopo l’acquisizione di Nexus, quali sono le novità per la vela? Nel 2012 Nexus è entrata a far parte della famiglia Garmin e quest’anno sono stati realizzati GNX 20 e GNX 21. Si tratta di due display monocromatici a basso consumo. Durante il giorno servono solo 350 mW e di notte 400. Dispongono di 50 pagine di dati personalizzabili con velocità, profondità, vento e tutto quel che serve in navigazione. Le novità per il 2015 quali saranno? Bisogna avere ancora un po’ di pazienza. Posso solo dire che importanti novità verranno presentate in anteprima mondiale a fine ottobre a Fort Lauderdale, mentre le novità per la vela si vedranno a Düsseldorf a gennaio.

SERIE 8000 Sono chartplotter multifunzione con display da 15 a 19 pollici. I monitor dispongo di tutte le tecnologie più avanzate come il pinch to zoom e il multi touch. In sostanza i display si usano esattamente come quelli di un tablet o di uno smartphone e questo dovrebbe risultare ancora più “friendly”. La novità di quest’anno è che tutti i modelli della Serie 8000 sono compatibili anche con le termocamere Flir.

GARMIN HELM Si tratta di una App gratuita per iPad e iPhone e per tutti i dispositivi Android. Permette il monitoraggio remoto di tutte le informazioni dei plotter Garmin e consente anche, nel caso in cui a bordo ci siano più monitor, di poter visualizzare le anteprime delle schermate per passare agevolmente da un plotter a un altro.

ClearVü è la funzione più recente e innovativa. è la naturale evoluzione di SideVü e DownVü che sfruttano la tecnologia CHIRP per ecoscandagli e fishfinder. La tecnologia CHIRP, grazie all’alta frequenza, consente di avere immagini nitide e bersagli dettagliati di tutto ciò che si trova sotto lo scafo. La differenza tra SideVü e DownVü è che il primo consente di guardare sotto la carena frontalmente, mentre il secondo di osservare ai lati dello scafo. Con ClearVü queste due funzioni sono unificate per ottenere una visualizzazione ottimale dei fondali.

GNX 20 e 21 Sono display multifunzione per gli strumenti di navigazione per le barche a vela. Si tratta dei primi nati dopo l’acquisizione da parte di Garmin del marchio Nexus. La caratteristica principale, oltre alle tante pagine di dati con vento, velocità e profondità, è la possibilità di customizzazione cromatica dello schermo o del dato alfanumerico. Inoltre ha un bassissimo consumo sia durante le ore del giorno, sia durante la navigazione notturna. Ottimi per la crociera, ma anche per le barche da regata che devono navigare a motore spento.

(Ottobre 2014)

  • apertura
  • 8000 spread
  • IMG_1951