Absolute Yachts, quando il modello made in italy funziona Absolute Yachts, quando il modello made in italy funziona
In solo 18 anni di vita il cantiere nautico Absolute Yachts è diventato uno dei protagonisti più interessanti nel panorama nautico mondiale. Abbiamo visitato... Absolute Yachts, quando il modello made in italy funziona

In solo 18 anni di vita il cantiere nautico Absolute Yachts è diventato uno dei protagonisti più interessanti nel panorama nautico mondiale. Abbiamo visitato il moderno impianto di Podenzano, dove Absolute gestisce in modo autonomo ogni fase del ciclo di vita delle barche. Ai buoni numeri finanziari dell’azienda fa eco una sofisticata tecnica costruttiva di tutti i loro modelli. 

di Francesco Michienzi

Absolute Yachts è uno dei pochi cantieri nautici al mondo che può vantare un bilancio che alla voce indebitamento riporta uno zero tutto tondo. Bisogna partire da questo dato per spiegare la continua ascesa di questa azienda tutta italiana che ha fatto del rigore finanziario la sua forza. La doppia A come rating bancario, 63 milioni di euro di fatturato, un Ebitda del 19,5 per cento e una liquidità di 19 milioni consentono di affrontare i mercati internazionali con la necessaria serenità.

Absolute Yachts

L’aspetto economico finanziario è solo la premessa di una filosofia imprenditoriale basata sulla concretezza e sull’idea di una società solidale. Le persone che lavorano in cantiere sono parte di una grande famiglia dove ognuno è chiamato a dare il proprio contributo con la precisa consapevolezza dell’importanza del ruolo che ricopre. Operai, artigiani, impiegati, progettisti e dirigenti si muovono all’unisono per ottenere il meglio.

Marcello Bè e Sergio Maggi hanno fondato Absolute nel 2002 con una visione futurista nel fare industria nautica, valorizzando la loro lunga esperienza nel settore. La grande svolta è arrivata con l’ingresso nella società di Patrizia Gobbi, Paola Carini, Giuseppe Bertocci e Angelo Gobbi che ne ha assunto la presidenza nel 2007.

I soci lavorano tutti nell’azienda, ognuno di loro si occupa di un aspetto specifico senza risparmio di energia fisica e intellettuale. I risultati sono immediatezza e condivisione a tutti i livelli, la consapevolezza degli obiettivi e dei metodi stabiliti per raggiungerli, la soddisfazione di lavorare in una squadra coesa. In un clima di questo tipo è naturale trovare elementi materiali e immateriali di gratificazione sia individuale che collettivi.

Absolute Yachts

Negli ultimi dieci anni è diventata un’azienda di fama internazionale con circa 90 imbarcazioni prodotte all’anno suddivise in quattro linee da 40 a 73 piedi, Flybridge, Sport Line, Sport Yacht e Navetta (l’ultima nata è Navetta 48). Grazie a 40 dealer, il marchio è distribuito in 20 paesi nel mondo. Abbiamo avuto il piacere di visitare gli stabilimenti esattamente dieci anni dopo la costruzione del nuovo cantiere. Già allora ci sembrava figlio di una visione innovativa grazie a scelte che facevano intuire un percorso industriale votato alla qualità, sia del sito sia delle persone che vi operano. La sensazione generale che abbiamo provato era un misto di stupore e ammirazione.

La barca è un prodotto che richiede una grande quantità di lavoro manuale, eseguito da mani esperte, il processo industriale deve tenere conto di questo aspetto e per avere un risultato ottimale, sia dal punto di vista della qualità sia da quello della competitività economica, deve esserci un valido progetto di fondo. A Podenzano abbiamo avuto la bella sensazione di trovarci in un’industria vera dove tutto è pensato nei minimi dettagli per ottenere il meglio da ogni azione.

Absolute Yachts

Negli ultimi dieci anni sono stati raddoppiati il magazzino verticale robotizzato e i sistemi di ventilazione del reparto laminazione; è stato messo in opera un sistema di alimentazione automatico della resina, è stato realizzato un nuovo centro di lavoro a controllo numerico per la falegnameria e il sistema di stoccaggio e movimentazione automatica del legno compensato. Nel 2019 verrà costruita una nuova piscina per il collaudo di tutti gli impianti di bordo.

Absolute Yachts gestisce in modo autonomo ogni fase del ciclo di vita delle barche: concept, design, ingegnerizzazione, modellazione, realizzazione stampi e attrezzaggio della produzione, laminazione e assemblaggio strutturale, allestimento impianti e arredi, collaudi, logistica di consegna e messa in servizio. La superficie coperta destinata alla produzione è di 30 mila metri quadrati in un’area complessiva di 58 mila.

Angelo Gobbi è particolarmente orgoglioso dei risultati lusinghieri di questi anni.

«Vogliamo far comprendere chi siamo e dove stiamo andando, il mondo nautico è cambiato. La nostra azienda, nel momento in cui c’è stato bisogno di fare sacrifici, ha compiuto quello che probabilmente nessun altro imprenditore della nautica ha prospettato, sono state investite ulteriori risorse economiche, oliato nuovamente e riordinato la macchina». 

Anche nei momenti di picco della crisi finanziaria mondiale, nella quale il consumo di beni di lusso si è ridotto notevolmente, l’azienda ha retto: «Ci siamo adattati, abbiamo cambiato modelli e diversificato i Paesi dove distribuire le nostre barche. Nel 2013 c’è stata una ripresa del volume d’affari, abbiamo conquistato nuovi mercati permettendo al fatturato una crescita costante, oggi nella nostra sede operano 240 persone che realizzano circa 90 imbarcazioni all’anno».

(Absolute Yachts, quando il modello made in italy funziona – Barchemagazine.com – Ottobre 2018)

  • Absolute Yachts Grp dept
  • Absolute Yachts Hull extraction
  • Absolute Yachts Hull bulding
  • Absolute Yachts woodhandling
  • Absolute Navetta 73 test pool
  • Absolute Yachts_E0867