Absolute Navetta 48: tra le onde, senza paura Absolute Navetta 48: tra le onde, senza paura
Per l’Absolute Navetta 48 tanto spazio a bordo, ma anche prestazioni interessanti. Alla gamma Navetta del cantiere di Podenzano si aggiunge una entry level... Absolute Navetta 48: tra le onde, senza paura

Per l’Absolute Navetta 48 tanto spazio a bordo, ma anche prestazioni interessanti. Alla gamma Navetta del cantiere di Podenzano si aggiunge una entry level di quindici metri di lunghezza che abbiamo provato in condizioni meteo impegnative

di Luca Sordelli

La barca è piena, siamo in undici, la densità a bordo è quasi da metropolitana in ora di punta. Siamo davanti a Varazze, ci sono una ventina di nodi di vento, un metro d’onda, un cielo basso e grigio. Nessuno ha voglia di stare fuori a prendere freddo e schizzi. Eccoci allora tutti insieme, fianco a fianco, nel salone centrale. È la prima uscita in pubblico di Absolute Navetta 48 la curiosità per vederla e provarla è tanta e il cantiere di Podenzano ha radunato la stampa nautica di tutto il mondo: ho a fianco una giornalista che arriva dalla Malesia e davanti un collega russo.

ABSOLUTE NAVETTA 48

Abbiamo il pieno di acqua e gasolio, ma fuori le condizioni meteo non sembrano voler migliorare, anzi. Questa uscita in mare, alla fine, si sta rivelando una vera prova del fuoco per l’ultima nata in casa Absolute. Come se la caverà? Per fuggire un po’ dalla folla scendo a fare un giro sotto, al ponte inferiore, quello riservato alla zona notte. Le cabine sono tre, lo spazio è veramente molto.

La palma di “armatoriale” se la giocano quasi ad armi pari quella di prua, che può contare su un layout con il letto orientato in diagonale e la finestratura a filo del mare su entrambi i lati, e quella a centro barca, meno luminosa, ma con un’altezza maggiore. Entrambe sono dotate di un grande bagno con doccia separata e letti matrimoniali aggirabili su tre lati.

ABSOLUTE NAVETTA 48

C’è poi un’altra cabina con letti separati con accesso ai piedi della scaletta, a cui va ad aggiungersi anche quella singola per il marinaio, con un piccolo bagno e ingresso separato dalla plancia di poppa. Penso che nel complesso non è niente male per uno scafo di queste dimensioni.

Il discorso non cambia ritornando “al piano di sopra” di Absolute Navetta 48. Rimango subito colpito da come, nonostante la folla e il tempo grigio, il grande salone regali comunque una bella sensazione di luminosità. Merito delle grandi vetrate laterali, dei colori chiari di legni e tessuti e del largo portellone che affaccia in pozzetto, ma anche dell’intelligente distribuzione degli spazi, con la cucina a poppa e i due divani centrali che si fronteggiano. Alla fine tutti hanno trovato il proprio posto, nessuno si pesta i piedi.

Mi siedo in plancia, apprezzo la buona visibilità nonostante gli schizzi e i tergicristalli che vanno al massimo. In sala macchine ci sono due Volvo Penta D6 di 435 cavalli ciascuno, la propulsione è affidata a due pod IPS 600 e io inizio a dare gradualmente gas.

La Navetta 48 è studiata, come il 52 e il 73 piedi, per navigare bene sia in assetto dislocante che planante. Una carena versatile, fatta non tanto per correre veloci, ma per godersi il piacere del viaggio.

E le condizioni di oggi la mettono a dura prova. Il cambio di assetto, uscendo dal dislocamento, è quasi impercettibile, lo scafo cabra, ma in maniera lieve e molto graduale. Mi accorgo che lo scafo riesce a mantenere diverse andature di crociera merito proprio di queste carene.

ABSOLUTE NAVETTA 48

A 2300/2400 giri si registrano dodici nodi, a bordo c’è grande tranquillità e i consumi sono contenuti al minimo: circa 5 litri/miglio per 370 miglia di autonomia. Bene anche salendo a 19/20 nodi, il comfort rimane più che accettabile, basta non mettersi proprio con l’onda al traverso, e anche il tributo che i due propulsori chiedono in termini di gasolio è decisamente contenuto: 6,6 litri ora.

Nel complesso anche questa Navetta, così come tutte le altre della gamma, mette in mostra una bella curva dei consumi che rimane piatta in tutta la sua parte alta, a conferma dell’efficienza della carena.

Chiedo poi un po’ di pazienza al mio numeroso equipaggio e proseguo nella prova, sono curioso di portare al limite la Navetta 48. Arrivo a 3000, poi 3200 e alla fine a 3600 giri, tutti quelli che i due Volvo Penta possono darmi. Con le onde al mascone arrivo a circa 25 nodi, l’impatto è notevole, ma la prua batte veramente poco.

Apprezzo anche come le vibrazioni e cigolii siano veramente pochi. Poi mi metto col mare al giardinetto e in poppa. Bene la stabilità, bisogna solo fare qualche correzione al timone sulle onde più fastidiose, ma la situazione continua ad essere assolutamente sotto controllo, arrivo a toccare i 27 nodi. Prova superata a pieni voti.

ABSOLUTE NAVETTA 48
PROGETTO
Ufficio Tecnico Cantiere
SCAFO Lunghezza ft 15.1 m • Larghezza massima 4.65 m • Immersione 1,25 m • Dislocamento 22.500 kg Capacità serbatoio carburante 1800•Capacità serbatoio acqua 530 l
MOTORE 2 Volvo Penta D6 IPS 60 • Potenza 320 kW (435 hp) • Numero di cilindri 6 • Alesaggio per corsa 103mm x110mm • Cilindrata 5.5 l • Regime di rotazione massimo 3.500 giri/min – Peso 594 kg
CERTIFICAZIONE CE  CAT B – 14
PREZZO 737.000 € Iva  esclusa

Absolute S.p.a.
Via F. Petrarca 4
Loc. I Casoni – Gariga
I-29027 Podenzano (PC) – Italy
TEL +39 (0)523 354011
[email protected]
www.absoluteyachts.com    

(ABSOLUTE NAVETTA 48 – Barchemagazine.com – Gennaio 2019)

  • 08-Absolute-Navetta48-FlyBridge-Dashboard.eps
  • ABSOLUTE NAVETTA 48 -Galley
  • 02-Absolute-Navetta.eps
  • 21-Absolute-Navetta48-MasterCabin.eps